PALLANUOTO – Rari Nantes Napoli, brutto ko in casa col Villa York

Cargomar Rari Nantes Napoli-Villa York 1-7

Cargomar Rari Nantes Napoli: Pezzullo, Napolitano 1, Pollio, Ilario, Tonacci, Briganti, Pasquariello, Ciniglio, Pariso, Fraioli, Calì, Balsamo, Di Meo. All. Marsili

Villa York: Vitale, Zanella 1, Tancredi 1, Garritano, Filpa 2, Piccinini 1, Croxatto, Bianchi, Cavallo 1, Amendola 1, De Chiara, Pompeano, Minozza. All. Milani

Arbitro: Giannoulis (Puglia)

Note: parziali 0-1; 0-2; 1-3; 0-1. Nessun uscito per falli. Superiorità numeriche: Rari Nantes Napoli 0/5, Villa York 1/6.

Casoria – Doveva essere la sfida del riscatto, per la Cargomar Rari Nantes Napoli invece il confronto diretto col Villa York si è trasformato cammin facendo in un calvario. Quinta sconfitta in altrettante gare per la truppa di Marsili, che resta malinconicamente a quota zero in classifica. Si allontanano, invece, i capitolini, ora con sei punti all’attivo grazie al rotondo 7-1 rifilato ai biancocelesti alla piscina Alba Oriens di Casoria.

Cargomar in vasca a ranghi quasi completi, con il solo Busiello fermo ai box per un problema alla spalla. Napoletani, però, mai fluidi in attacco, con tantissime azioni chiuse senza neppure andare al tiro. La buona tenuta difensiva ha solo evitato che il passivo diventasse ancora più pesante, nonostante una serie di controfughe concesse con troppa leggerezza al sette di Milani.

Per un tempo è l’equilibrio a farla da padrone. Il primo gol arriva infatti a una manciata di secondi dal primo intervallo e porta la firma di Piccinini da fuori. Nel secondo la Rari subisce due controfughe in rapida successione, finalizzate da Amendola e Filpa, e al cambio di vasca è sotto di tre reti. Il terzo periodo comincia con la rete di Cavallo, che giunge dopo quattro azioni d’attacco consecutive del Villa York. Tancredi e Filpa rimpinguano il bottino per i romani, mentre a 38 secondi dalla conclusione del terzo periodo Napolitano riesce a firmare se non altro il gol della bandiera per la Cargomar. Il quarto tempo è quasi un allenamento, con Zanella che firma l’unico gol in superiorità di tutta la partita.

“Volevamo sapere se fossimo al livello delle altre squadre impelagate nella zona bassa della classifica, oggi abbiamo avuto una risposta”, ammette il tecnico partenopeo Elios Marsili. “Abbiamo offerto la peggior prova stagionale proprio nell’occasione più importante, ma d’altro canto non possiamo fare miracoli. Questo risultato e questa situazione di classifica sono la logica conseguenza dei problemi che stiamo affrontando, dalla mancanza di una piscina dove allenarci all’incertezza sulle sorti dell’impianto di Poggioreale, dalla chiusura della Scandone al fatto che per allenarci dobbiamo spostarci alla Nestore, che si trova lontanissimo dal luogo storico d’elezione della Rari e dove spesso ci ritroviamo in due o in tre durante la settimana. In queste condizioni quando riusciremo a conquistare il primo punto in classifica ci sarà da festeggiare. Così non possiamo provare schemi, situazioni di gioco, movimenti”. E sabato c’è il Tyrsenia: “Che già negli anni scorsi si è rivelata la nostra bestia nera, quando lottavamo per il vertice. Proveremo a invertire il trend, ma la realtà è che viviamo una situazione durissima e le colpe sono di tutti”.

Nel prossimo turno, sabato 16 febbraio, la Cargomar Rari Nantes Napoli affronterà in trasferta il Tyrsenia nella sesta giornata del girone d’andata.

Commenti

Questo articolo è stato letto 570 volte