Gli interventi di Antonio Barillà, Riccardo Cucchi e Mimmo Malfitano a Radio Crc

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione di Umberto Chiariello in onda su Radio CRC, è intervenuto Antonio Barillà, giornalista de La Stampa: “Ronaldo e Pjanic recuperati? Assolutamente sì. Pjanic ha ritrovato anche il ritmo che gli mancava, Ronaldo fortunatamente era solo una botta, è assolutamente recuperato e avrà il suo posto nel tridente. Napoli test per l’Alteltico? Io penso che la voglia di rivincite sullo 0-1 non penso ci sia. La vera rabbia sportiva è quella di confrontarti con la squadra che è stata davvero la tua antagonista. Per quanto riguarda l’Europa è un indicatore. La Juve può anche perdere a Napoli, ma deve ritrovare brillantezza. Punto debole Juve? Ne ha tanti, ma che sono mascherati dalla capacità di trovare il bandolo della matassa. La squadra ha un po’ questo momento di black out, ma trova sempre il guizzo dell’uomo in più che le permette di risolvere le partite. Onestamente penso che questo Napoli possa approfittare più della sua forza, che della debolezza. Credo che con Ancelotti abbia fatto dei passi importanti dal punto di vista dell’esperienza”.

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione di Umberto Chiariello in onda su Radio CRC, è intervenuto Riccardo Cucchi, giornalista: “Koulibaly al Policlinico? Queste storie fanno bene alla vita. Purtroppo siamo circondati da odio. Ha fatto un grande gesto. Credo che sia importante che personaggi così, che sono visti dai più giovani, siano i primi a farci capire cosa sia bello e giusto fare.  Napoli-Juventus? Un campionato sicuramente condizionato dalla forza della Juventus, alla quale ha fatto comunque da contraltare il Napoli. Ho sempre detto che era giusto applaudire la Juve, ma anche il Napoli, che si conferma l’unica in grado di creare qualche problema alla Juventus.  Il confronto tra queste due squadre è ormai la classica da un due tre anni, il confronto tra le due squadre migliori della serie A. Sarà difficile per il Napoli, ma anche molto difficile per la Juventus.”.

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione di Umberto Chiariello in onda su Radio CRC, è intervenuto Mimmo Malfitano, giornalista de La Gazzetta Dello Sport: “Chiriches o Maksimovic? Io non credo che ci saranno grosse sorprese. Ritengo che Ancelotti debba affrontare questa partita, facendo capire alla Juve che il campionato italiano sa essere anche allenate e che il Napoli sa mettere alle corde anche alla sua squadra, per farlo c’è bisogno della formazione adeguata. Il ritorno di Chiriches è un elemento in più che va a rendere ancora più competitivo questo organico sia per la partita della Juventus, che per l’Europa League. Credo che questo sia il miglior Napoli. Ci si aspetta un po’ il ritorno di Insigne, che mi sembra sia stato un po’ anonimo. Il mio discorso è sul piano della continuità del gioco, perché Lorenzo è venuto meno. Sul piano fisico sta bene, di certo c’è che quest’anno sta venendo meno quello che l’anno scorso aveva garantito con Sarri. Può essere anche un aspetto tattico, ma queste sono disquisizioni tattiche che ciascuno di noi può fare, ma alla fine sono loro che sanno cosa avviene all’interno del gruppo. Ritengo che il lavoro fatto di Ancelotti sia stato più che sufficiente, probabilmente si aspettava qualcosa in più dal punto di vista dei risultati, ma quando trovi una Juve così in campionato diventa difficile per tutti. Credo che il Napoli attuale sia stato il massimo che ha potuto trarre dal Napoli che fu di Sarri. Ritengo che questo sia potuto essere un anno di transizione e di preparazione a quello che sarà il futuro, mercato permettendo”.

Commenti