LA PARTITA – Salisburgo-Napoli 3-1, gli azzurri perdono in Austria ma si qualificano ai quarti

Il Napoli perde 3-1 a Salisburgo, ma ai quarti passano gli azzurri con il risultato complessivo di 4-3 tra andata e ritorno.

PRIMO TEMPO

Al 9′ minuto azzurri vicini al vantaggio: sugli sviluppi di un calcio d’angolo Fabian Ruiz da fuori area serve con un cross Milik al centro, il polacco prova la conclusione di tuffo con un colpo di testa ma il portiere intercetta. Al 14′ arriva il gol degli azzurri: bella azione con Zielinski che serve meticolosamente Mario Rui che si inserisce in area e prova a servire al centro, dopo una serie di rimpalli intercetta il pallone Milik che al volo spedisce il pallone in rete. Al 26′ arriva il pareggio del Salisburgo: Allan sbaglia il passaggio, riceve il pallone Szoboszlai che serve Dabbur e insacca. Poco dopo tiro potente di Fabian Ruiz, ma il pallone colpisce il palo. Al 43′ conclusione di Minamino dal limite, la sfera termina di poco a lato. Al 45′ termina il primo tempo.

SECONDO TEMPO

Al 65′ passa in vantaggio il Salisburgo con Gulbrandsen, grande disattenzione della difesa azzura. Napoli in difficoltà per larghi tratti della ripresa, il Salisburgo prende coraggio e prova a rendersi pericoloso in numerose occasioni, la squadra di Ancelotti invece poco lucida in fase offensiva. All’88’ Salisburgo ancora pericoloso: Lainer serve con un cross Dabbur che con una semirovesciata colpisce il palo. Al 90′ l’arbitro assegna 4 minuti di recupero e al 92′ c’è il terzo gol degli austriaci con Leitgeb per il 3-1 finale.

IL TABELLINO

Salisburgo (4-4-2): Walke; Lainer, Ramalho, Onguene, Ulmer; Mwepu (59′ Gulbrandsen), Szoboszlai (74′ Leitgeb), Samassekou; Wolf; Minamino, Dabbur.

Napoli (4-4-2): Meret; Hysaj, Chiriches (78′ Malcuit), Luperto, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski (74′ Diawara); Mertens (88′ Younes), Milik.

A disp. Ospina, Ghoulam, Verdi.
All. Ancelotti

Reti: 13′ Milik, 24′ Dabbur, 65′ Gulbrandsen, 92′ Leitgeb

Ammoniti: Onguene, Samassekou (S), Milik (N)

Mariano Potena

Commenti

Questo articolo è stato letto 397 volte