LIVERPOOL-NAPOLI: Tensione all’arrivo in albergo tra tifosi ed esponenti della società.

Momento difficile quello che il Napoli calcio sta vivendo in questo frangente, ed i motivi sono ben noti a tutti, ma sembra che quello di gettare benzina sul fuoco sia mestiere oramai di moda nel club azzurro. Ci riferiamo in particolar modo a due episodi episodi avvenuti nel pomeriggio, il primo documentato da un video che circola sui social, dove si vede un tifoso che, all’arrivo del pullman, approccia civilmente Zielinsky e viene vigorosamente richiamato da un non ben specificato membro dello staff, con cui scambia qualche schermaglia verbale, ed il secondo relativo all’arrivo degli azzurri in albergo, dove c’era un gruppo di tifosi ad attenderli (gente che di tasca propria si autofinanziata per seguire la squadra ), tra cui il capotifoso di “Globuli Azzurri” conosciuto da tutti come “Maui” che, a quanto ci ha raccontato lui stesso in redazione, stava scattando una semplice foto ai calciatori che si avvicinavano all’ascensore quando è stato verbalmente assalito dal capo ufficio stampa del Napoli Baldari che, a detta del “Maui”, sbraitava ed inveiva a voce alta cercando di “capire” perché lui fosse li presente. Dopo uno scambio animato di “battute” la situazione si è rasserenata, ma non crediamo certo l’animo dei tifosi, soprattutto di quelli presenti anche in questi momenti, in cui il Napoli si prepara ad affrontare una gara a dir poco ostica, con una crisi di risultati e tecnica importante, e con la possibilità di uscire malconci da questa trasferta. Ma non sono le difficoltà di campo di certo a spaventare i supporters azzurri, lo è molto di più questa mancanza di rispetto che, a quanto ci è stato raccontato, non sembra essere un caso isolato purtroppo. Si vuole ripartire e bene? Allora lo si faccia con buonsenso, coltivando e coccolando chi, con passione smisurata, in questo circo i soldi ce li mette per davvero.

Commenti

Questo articolo è stato letto 673 volte