Gattuso: “Dobbiamo giocare sempre con il veleno”

La vittoria sulla Lazio in Coppa Italia, stasera l’impresa contro la Juve capolista: il Napoli si ritrova al San Paolo, tutto in una settimana, il ko contro la Fiorentina sembra ormai lontanissimo. “Ma io ci ripenso ancora”, Gennaro Gattuso si presenta ai microfoni di Sky Sport nel postpartita. “Non me ne capacitavo e dobbiamo continuare a pedalare. Stasera abbiamo vinto contro una grande squadra, ma di danni ne abbiamo già fatti abbastanza in questi 5-6 mesi“. Quella contro i bianconeri è comunque la vittoria importante da quando Rino è allenatore del Napoli: “Non vedo l’ora che si chiuda il mercato”, continua, “poi voglio vedere solo gente che pensa a questa squadra 24 ore su 24. Grandi complimenti ai ragazzi per quello che abbiamo fatto in questi sette giorni, ora continuiamo da squadra”.

“Il San Paolo canta di nuovo? Questa squadra è stata un po’ masochista”

Sulla chiave tattica del match: “Abbiamo fatto una fase di possesso da grandissima squadra”, spiega Gattuso. “E quella di non possesso con grande rispetto per gli avversari. Ho visto finalmente una squadra compatta. Il gol subito nel finale mi ha infastidito? Penso che in questo momento non bisogna regalare nulla, da quando sono arrivato io gol veri ne ho presi pochi: solo disattenzioni. A me piace il palleggio per uscire dalla prima pressione e sfruttare le situazioni di uno contro uno. Non parlo certo di un possesso palla fine a sé stesso”. E’ stata la serata di Insigne, ma non solo: “Zielinski? Penso che possa diventare molto forte”, Gattuso si gode l’autore del vantaggio azzurro. “Ha grande fisicità, tecnica importante. Deve migliorare nell’ultimo passaggio. Oggi mi è piaciuto molto anche Milik, che ci ha permesso di attaccare molto bene”. Così il Napoli è riuscito a vincere e convincere, riaccendendo il suo pubblico dopo settimane difficili. “Il tifo del San Paolo? Io sono qui da poco tempo”, chiude l’allenatore. “Ma questa squadra è stata un po’ masochista, si è andata ad inguaiare con degli atteggiamenti sbagliati. Adesso sta a noi riportare l’entusiasmo: lo stadio si può solo riempire con i risultati e con il bel gioco. Di fischi ne ho presi tanti anch’io, adesso bisogna capire che i problemi non sono finiti: non mi fido ancora di questo risultato. La squadra è forte, ma non deve mai mancare il veleno“.

Sky.it

Commenti