Picco (Dir. Asl Torino): “Noi rispettiamo il protocollo della Figc. Interveniamo solo in caso di pericolo di salute pubblica e non è questo il caso”

Carlo Picco, direttore della Asl di Torino è intervenuto a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show: “La vaccinazione sta procedendo bene. Caso Juve? c’è stata un’interpretazione non corretta di alcune parole del nostro direttore di dipartimento di prevenzione e noi ci atteniamo a quello che è il protocollo della FIGC voluto anche dalla UEFA. so che il pullman della Juventus è partito per Milano, siamo aspettando alcuni risultati ma non ci sono condizioni che ci facciano esulare dalle condizioni abituali. Abbiamo messo in quarantena in soggetti positivi e ci muoviamo in linea con le normative. Il protocollo riguarda le normative con le quali viene effettuata la quarantena attiva in particolare per ciò che concerne gli allenamenti. Attenendoci al protocollo, non facciamo errori di alcun tipo e penso che andremo avanti così. Non abbiamo nessun sentore che ci sia nella Juventus un rischio di focolaio, in termini ipotetici È ovvio che la salute pubblica vada salvaguardata e il dipartimento di prevenzione agisce in tal senso. ma, stiamo parlando di un elemento assicurativo e non riferibile a questo caso. Il campionato di calcio a rischio? Questa pandemia ha messo in discussione molte cose, un po’ tutto è a rischio, ma la vaccinazione è un momento di speranza. Abbiamo ricevuto le prime quarantamila e ne abbiamo somministrate la metà. I negazionisti sono una cosa, i no vax un’altra. Ho fatto un video anche con il Professor Di Perri per spiegare e far scegliere consapevolmente. Riapertura scuole? La recrudescenza del virus c’è stata con la riapertura delle scuole, ha alimentato la seconda ondata. L’andamento della pandemia guiderà la riapertura delle scuole”.

Commenti