Gli interventi di Christian Bosco, Carlo Tarallo e Marco Ballotta a “Il Sogno Nel Cuore”

Il procuratore Bosco a Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station RadioConceicao è in vantaggio ma non è fatta, Sarri ed Allegri piste ancora aperte. De Paul può arrivare, ma potrebbe partire anche Insigne

Conceiçao fa parte della scuderia di Mendes, il quale, insieme a Raiola ed altri, detiene il monopolio del mercato internazionale – queste le parole di Christian Bosco, procuratore e presidente Italian Association of Football Agents, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. La possibile operazione con il Napoli, potrebbe essere stata anche orchestrata dallo stesso agente portoghese. De Laurentiis, a quanto pare, ha riscontrato nel potente procuratore unaffidabilità tale da ascoltare i suoi consigli. Conceiçao è un nome papabile, ottimo tecnico, e quando giocava era già un allenatore in campo. Di solito, chi mostra questa dote, è destinato ad essere un grande tecnico, ad esempio, come Zidane. Non bisogna criticare preventivamente, perché lallenatore del Porto è un ottimo profilo, anche in campo internazionale. Con la sua squadra ha dimostrato di fare bene anche ad alti livelli, inoltre è anche uno che ha fatto tanta gavetta: ha già completato il suo percorso formativo, forse ciò che non aveva ancora compiuto Gattuso. Il mancato piazzamento Champions allontana le ipotesi di Allegri e Sarri, anche se per questultimo potrebbero esserci ancora delle speranze. Maurizio ha chiesto un progetto a lungo termine, un contratto pluriennale per arrivare ad obiettivi vincenti in questo lasso di tempo. Sarri potrebbe essere la persona che tranquillizzerebbe la piazza dopo questa stagione, la pista non è ancora tramontata definitivamente. Anche la strada che porta ad Allegri si è allontanata, ma non è detta lultima parola anche in questo caso. La moglie Ambra ha lavorato spesso con De Laurentiis, ed inoltre a Max piace tanto la città. Credo non abbia difficoltà nel ridursi lingaggio di fronte ad un progetto importante. Potrebbe inserirsi anche la Juventus per Allegri, perché nonostante Pirlo abbia raggiunto degli obiettivi, pare ci sia una forte corrente che lo rivoglia. Galtier potrebbe restare ancora in Francia dopo la vittoria dello Scudetto e il raggiungimento della Champions. Gattuso? Come in tutte le esperienza, ci sono stati momenti in chiaro e momenti in scuro. Dovrebbe fare mea culpa su determinati errori, ma non si può negare labnegazione e la passione nel lavoro svolto. È mancato, una volta trovato lequilibrio, la capacità di provare a rimescolare le carte in corse in certe partite, e questo lo acquisisci solo con lesperienza.  È vero che sono i calciatori ad andare in campo, ma lallenatore incide nella preparazione, nel corso della gara. Se dovessi dare un voto alla sua esperienza sarebbe un 6. Il presidente, dopo alcune prestazioni disastrose, ha perso fiducia nel condottiero del suo progetto, ed è stato meglio, e giusto, che le strade si siano interrotte. Mercato? Se dovessero arrivare offerte congrue per i pezzi pregiati, ADL non potrà non vendere un Koulibaly, Fabian o anche Insigne. De Paul? È in orbita Napoli, può arrivare. Ha colpito Ilic nellultima gara. La voce di Biraghi è calda.

La Verità, Tarallo Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station RadioLa costante dei fallimenti azzurri è la società, non gli allenatori. Adl considera il Napoli una fabbrica di bulloni

Napoli-Verona? Batosta inaspettata e deprimenti per la partita disputata – queste le parole di Carlo Tarallo, giornalista de La Verità, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Un disimpegno inspiegabile, hanno affrontato il match come se fosse unamichevole. Lo stesso Gattuso, il quale ci aveva abituato a comandare i suoi come un joystick dalla panchina, è rimasto muto per tutti i 90 minuti. A pensare male si fa peccato, ma ho la sensazione che Rino abbia voluto dimostra qualcosa alla società. Anche nel caso del rigore su Mertens ci sono state poche proteste, non hanno nessuna scusante. Questo è stato uno sgarro alla societàè da quattro mesi che non sappiamo nulla per via del silenzio stampa, nessuna ha potuto chiedere cosa fosse successo, non è stato nemmeno concesso alla tifoseria di ascoltare una spiegazione. Il nostro errore è affezionarci troppo ai personaggi, come, ad esempio, a Higuain, Sarri e Gattuso, i quali ci hanno ripagato come hanno fatto. Il quarto posto era un risultato più societario che sportivo, era una soddisfazione, anche per buttare fuori dalla grande Europa la Juventus. Se guardi un film sempre uguale, però, ma con attori diversi, il problema è il regista, e sto parlando della società. Il Presidente non riesce ad andare daccordo con una persona per più di due anni. È un patron atipico, a lui non importa dei tifosi, delle vittorie, ma solo dei conti, considera il Napoli una fabbrica di bulloni. Quale società avrebbe liquidato un allenatore come Sarri dopo quello che ha fatto? La stagione appena conclusa ci ha permesso di capire qualcosa su ciò che è successo negli anni con gli allenatori del passato. Abbiamo assistito ad una crociata contro squadra e tecnico da parte di giornalisti, anche sul piano personale e non lo si dovrebbe fare. Tutto ciò ha contribuito ad avvelenare lambiente. Vero che, il prossimo, sarà il tredicesimo anno in Europa del Napoli, ma c’è un record negativo che appartiene solo agli azzurri: di solito, chi riesce ad essere campione dinverno, a fine anno conquista lo Scudetto, e il Napoli per ben due volte non ci è riuscito. Queste sono le statistiche che ti fanno pensare, perché ormai in Europa ci vanno tutti. Allegri? Per lui, probabilmente, è anche meglio arrivare a Napoli in un certo modo, costruendo il primo anno per poi puntare ad altro nei successivi”.

Conceiçao, lex compagno Ballotta Il Sogno Nel Cuore” su 1 Station RadioSe non è migliorato caratterialmente, avrà vita breve con Adl. Meret poteva fare di più sul gol del Verona. Donnarumma via dal Milan per volere di Raiola

Non mi aspettavo la partita del Napoli con il Verona, risultato inaspettato – queste le parole di Marco Ballotta, ex calciatore della Lazio, ai microfoni de Il Sogno Nel Cuore, trasmissione condotta da Luca Cerchione in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Meret poteva fare qualcosa sul gol subito? Probabilmente sì, ma era abbastanza vicino al tiro, non era semplicissimo, lì o fai un miracolo o prendi gol. Comunque gli errori sono a monte, il centrale ha commesso un gravissimo errore. Lui o Ospina? Io tifo per Meret perché è italiano ed ha sempre risposto bene quando è stato chiamato in causa. Lalternanza lha subita più lui che il colombiano perché più giovane, ma comunque questo turnover dei portieri non dovrebbe esistere, ci vuole un titolare, gerarchie, soprattutto per la retroguardia. I difensori non si adattano, il modo di guidarli cambia e così si incontrano difficoltà. Gattuso? La sua stagione, tra le varie difficoltà, la reputo positiva, anche se paga il non aver raggiunto la Champions. Le voci di altri tecnici al suo posto, nel momento negativo, non lo hanno fatto lavorare bene. Sarebbe stato meglio risolvere a fine stagione, magari con un po’ di tranquillità in più sarebbe potuto arrivare un altro risultato. Conceiçao compatibile con ADL? È un grosso punto interrogativo, ma se non è migliorato caratterialmente avrà vita breve con il presidente del Napoli. Lui è uno fumantino, che reagisce. Lambiente azzurro è delicato, il presidente ancora di più, prima di compiere un passo bisognerà valutare bene. Donnarumma? Ha fatto una scelta, o forse qualcun altro per lui. Un po’ più di rispetto nei confronti della società che lo ha lanciato, probabilmente, sarebbe servito. Il Milan sta compiendo un percorso giusto, e con la Champions crescerà anche a livello tecnico, forse Donnarumma non ha avuto la pazienza di aspettare. Dispiace perché è un portiere italiano, dovrebbe restare nel nostro campionato, anche perché sarebbe seguito in maniera diversa anche dalla Nazionale.

Commenti