Gli interventi di Marco Bellinazzo e Stefano Agresti a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Marco Bellinazzo, giornalista

“Prospettive del Napoli dopo il bilancio? Tutte le squadre che hanno ambizioni si trovano a dover gestire una situazione complicatissima che ormai dura da una stagione e mezza e speriamo non si prolunghi anche sulla prossima. Questo comporta che i club debbano rivedere l’assetto dei conti. Il Napoli ha mancato la qualificazione alla Champions League che poteva garantire 40-50 milioni. Questo significa che, con la necessità di dover tagliare il monte ingaggi, si pone l’esigenza di un ulteriore taglio di un altro 10-15%. L’Inter sta proponendo un taglio del 20% e farà la Champions. Il Napoli ha una situazione patrimoniale molto molto solida e quindi la conversione potrebbe essere molto meno severa qualora De Laurentiis decidesse di scommettere su qualche allenatore importante. La situazione sportiva in Serie A sarà particolare, con tanti nuovi allenatori e tante squadre che devono ripartire.
I 19 milioni di perdita possono diventare di più al 30 giugno 2021? Non c’è dubbio, potremmo arrivare fino a 50 milioni di perdite. Più costi, minori introiti. Magari si potrà fare qualche plusvalenza da mettere nei conti del bilancio di questa stagione per limitare il rosso”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Stefano Agresti, giornalista.
“De Laurentiis stupisce spesso, l’abbiamo visto anche con Conceicao. Secondo me il favorito per la panchina del Napoli al momento è Spalletti ma le sorprese sono possibili. Allegri? Maggiori difficoltà, ha proposte dalla Juventus e dal Real Madrid. Da quello che si sa lui sarebbe orientato ad attendere il Real, quindi mi sembra difficile. Mentre Spalletti è un’operazione già avviata da tempo, mi sembra il nome più probabile. Inzaghi e Sarri? Tutte opzioni valide. Facendo un’analisi tecnica forse l’organico del Napoli non è adatto al tipo di calcio proposto dalla Lazio in questi anni. Con Sarri ci sarebbe da risanare il rapporto definitivo con De Laurentiis e poi andrebbe risolta la questione relativa alla penale che dovrebbe pagare la Juventus, bisogna vedere perché tra la Juve e Sarri c’è un braccio di ferro con la penale. Allegri sicuramente dovrà decidere prima di un’eventuale squalifica per Real Madrid e Juventus in Champions League. La scelta del Real andrebbe oltre questo. Ci sono club in Italia che hanno affrontato la crisi economica della pandemia con difficoltà ma con minori problemi rispetto ad altri, come Napoli, Atalanta e Lazio. Per me il Napoli, insieme a Juventus e Inter, aveva l’organico migliore. Credo che l’anno prossimo sia destinato a ripartire con legittime grandi ambizioni”.

 

Commenti