Gli interventi di Luigi Pavarese, Oscar Damiani e Massimo Donati a “1 Football Club”

Napoli, Luigi Pavarese a “1 Football Club” su 1 Station Radio: “Spalletti era la miglior scelta che si potesse fare. Anguissa sarà titolare inamovibile. Sull’Europa League…

“Gattuso aveva dato senso di appartenenza alla maglia, cosa che ho sempre provato a fare anche io da dirigente e tifoso del Napoli. Quando si indossano questi colori ci vuole rispetto per la città ed i tifosi. Bisogna dare sempre il 120% – queste le parole di Luigi Pavarese, ex direttore sportivo del Napoli, ai microfoni di “1 Football Club”, trasmissione prodotta dalla testata “IlSognoNelCuore” e condotta da Luca Cerchione e Raffaele Ciccarelli, in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Quest’anno i ragazzi sono partiti col piede giusto perché sentono la responsabilità del finale della scorsa stagione. Spalletti, poi, era la migliore scelta che la società potesse fare. Società a cui vanno fatti i complimenti per aver trattenuto tutti i pezzi pregiati, nonostante la crisi. Luciano è tra i migliori allenatori italiani, e credo che abbia anche voglia di smentire tutte le chiacchiere che sono girate su di lui nei due anni di pausa. Non illudiamoci, però: sarà un campionato difficile. La squadra ha dimostrato di aver bisogno di uno schiaffo per reagire. Con la Juventus abbiamo strameritato la vittoria. Prima che iniziasse il campionato vedevo gli azzurri al terzo posto, dietro Inter e Juventus. Forse, dopo queste prime tre partite, li vedo dietro solo all’Inter. I cambi di Spalletti? Ha una rosa molto ampia, ma lui sta dimostrando di saper scegliere bene. Nota di merito anche per Anguissa: deve crescere, ma ha già dimostrato le sue potenzialità. Credo che sarà titolare inamovibile insieme a Fabian Ruiz. Ounasnuovo acquisto? È un giocatore che ha dimostrato il suo valore anche a Crotone. Può dare una grossa mano alla squadra. Europa League? La rosa del Napoli è competitiva, può puntare su tutti e tre gli obiettivi. Poi, come si suol dire, l’appetito vien mangiando…”

JuveOscar Damiani a “1 Football Club” su 1 Station Radio: “Vittoria di determinazione, ciò che le sta mancando in campionato. Inter e Milan chiamate a sfide difficili in Champions. Messi farà bene anche a Parigi

“Ieri ho visto una bella Juventus, più determinata rispetto a quanto dimostrato in campionato. Nella gara secca, anche se non sei al top fisicamente, puoi riuscire a portare a casa il risultato. Atalanta? Società forte con un ottimo allenatore: saranno ancora protagonisti sia in coppa che in campionato – queste le parole di Oscar Damiani, ex calciatore, fra le tante, di Juventus, Milan ed Inter, ai microfoni di “1 Football Club”, trasmissione prodotta dalla testata “IlSognoNelCuore” e condotta da Luca Cerchione e Raffaele Ciccarelli, in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Inter? Hanno una dirigenza importante, dovevano rientrare nel bilancio e la cessione di Lukaku ha aiutato. Allo stesso tempo, però, sono riusciti ad acquistare giocatori funzionali al progetto di Inzaghi, come Correa. Dzeko, invece, è una garanzia a livello internazionale. Marotta ed Ausilio hanno fatto un miracolo. Giocano un bel calcio, Simone ha sempre avuto grandi idee. La sfida con il Real Madrid? Mi aspetto una partita particolare, difficile, nonostante gli spagnoli non stiano attraversando un grande momento. I nerazzurri potrebbero approfittarne, ma ci sarà una cornice importante di pubblico che spingerà per i padroni di casa. Anche i Blancos hanno perso campioni importanti, i quali sono stati sostituiti da giovani che, però, non garantiscono risultati nell’immediato. Nonostante ciò, restano una squadra forte e temibile. Sono convinto che le italiane saranno all’altezza della situazione. Juventus-Milan? Allegri sa dare un’identità alla squadra, pertanto i bianconeri restano i favoriti per la vittoria finale. I rossoneri sono ben organizzati, portano avanti un progetto già da diversi anni e quest’anno sono riusciti ad acquistare giocatori funzionali all’idea di gioco di Pioli. Poi hanno Ibrahimovic e qualche alternativa di livello, però credo che la loro arma in più resti il rapporto che il mister ha stretto con i suoi calciatori. E non dimentichiamo anche il gran lavoro fatto da Maldini. Sfida al Liverpool? Nonostante i milanesi stiano attraversando un buon momento, gli inglesi restano una squadra d’esperienza. Sono convinto che Ibra e compagni faranno una gran bella figura, nonostante la partita sia tra le peggiori che gli potesse capitare. Messi? A Barcellona si era creata grande sintonia con l’ambiente, un campione così straordinario sono convinto che farà molto bene anche a Parigi”.

DaznMassimo Donati a “1 Football Club” su 1 Station Radio: “Atalanta-Gasperini binomio perfetto. Inter e Milan in gran forma, ma affrontano due top club. Spero che le italiane si impegnino nelle coppe

“Ottimo approccio dell’Atalanta, ieri, contro il Villareal. Ovvio che non sarebbe arrivata fino alla fine col dominio della prima mezz’ora, ma è riuscita a portare a casa un risultato importante – queste le parole di Massimo Donati, ex calciatore dell’Atalanta e cronista Dazn, ai microfoni di “1 Football Club”, trasmissione prodotta dalla testata “IlSognoNelCuore” e condotta da Luca Cerchione e Raffaele Ciccarelli, in onda dal lunedì al venerdì dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Non sono d’accordo con chi dice che i nerazzurri siano partiti male: hanno pareggiato alla seconda ed hanno perso alla terza, ma le prestazioni ci sono state. Alla fine chiuderà il campionato tra le prime. Gasperini? Vedo improbabile che si possa separare dai bergamaschi, anche se nelle ultime uscite lo abbiamo visto un po’ nervoso, al punto che ha criticato la società per il mancato arrivo di un attaccante. Cristiano Ronaldo? Senza di lui, la Juve ha perso tanto. Senza i suoi 25/30 gol all’anno diventa difficile. È vero che non partecipava tanto alla manovra, ma faceva sempre gol. Milan-Liverpool? Non sarà una passeggiata per i rossoneri, gli inglesi sono tra le squadre più forti al mondo. Queste partite sono decise dagli episodi, per i ragazzi di Pioli sarà importante fare una grande prestazione. Inter? Stesso discorso fatto per i cugini: è una squadra che sta bene, ma affronta un top club qual è il Real Madrid. Mi auguro che le squadre italiane si concentrino sulle coppe europee in questa stagione, seguendo la scia dell’Italia sportiva che ha fatto tanto in questa estate”.

Commenti