Gli interventi di Alessandro Altobelli, Giuseppe Bruscolotti e Italo Cucci a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Alessandro Altobelli, ex calciatore.
“Giocare per Di Marzio a Catanzaro? Mi avrebbe fatto piacere perché è un ottimo allenatore. Peraltro io nel giorno del mio esordio giocai e segnai proprio a Catanzaro. Io non ero un fenomeno in niente ma sapevo fare un po’ tutto. Perché non esultavo quando segnavo? Se dovevo fare 2 giri di campo ogni volta la mia carriera durava di meno!
Inter-Napoli match Scudetto? Come tifoso dell’Inter mi piace anche il Napoli, vorrei che fosse una partita Scudetto per l’Inter ma non lo è. Ha uno svantaggio già di 7 punti con il Napoli, se perde è praticamente tagliato fuori. Per l’Inter è una gara da dentro o fuori, non può permettersi un passo falso. Questo non è un Napoli facile da incontrare, non ha ancora perso in campionato e ha la miglior difesa. Mentre l’Inter ha un grosso problema con le squadre di alta classifica, non ha mai vinto uno scontro diretto. Il Napoli è una grandissima, per fare risultato deve fare la partita che quest’anno non ha ancora mai fatto.
Una volta era molto difficile sia segnare che rimanere 11 vs 10, così come anche dare i calci di rigore. Oggi un buon attaccante segna 20-25 gol a stagione ma magari con 15 rigori o punizioni. Oggi è molto più facile tirare e segnare. Osimhen? Spesso fa la scelta giusta, sarà una bella partita per lui. Se il Napoli gioca nello spazio allora il nigeriano potrà mettere in difficoltà i centrali, altrimenti è più marcabile.
Spalletti sarà fischiato? I tifosi non si dimenticano che ha mandato via Icardi e ha riportato l’Inter in Champions League. Penso che verrà accolto come tutti gli altri ex, spero gli riservino il giusto dovuto perché se lo è meritato”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Giuseppe Bruscolotti, ex calciatore.
Inter-Napoli partita Scudetto? Non esageriamo. Si potrebbe eliminare questa squadra dalla corsa ma comunque la lotta poi sarebbe Napoli-Milan. Firmerei per un pareggio? Sì, lotteresti comunque con il Milan in lotta e terresti a distanza l’Inter. Gli sconti diretti? L’importante è non uscirne con le ossa rotte. Ranocchia in campo? Quando subentrano quelli che giocano meno comunque danno il massimo e tante volte vengono fuori grosse prestazioni. Sicuramente può essere facilitato Osimhen ma non si sa mai durante la partita che piega possa prendere”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Italo Cucci, giornalista.
“Devo capire come reagirà il campionato alla sciagura azzurra. Ci saranno assenti da una parte e dall’altra, c’è molta curiosità per queste partitissime per capire se faranno dimenticare Belfast. Mondiale? Tra le squadre del playoff ci sono anche squadre che hanno gli stessi problemi nostri. I playoff sono una storia bruttissima ma ho la convinzione che Mancini sappia sovvertire quest’aria funebre cascata sul nostro calcio. Dopo un grande trionfo spesso abbiamo periodi amarissimi. Dopo tragedie sportive e scandali abbiamo vittorie favolose. Questa è una tipica malattia italiana, quindi questo che sta succedendo è tutto normale. Conto in Mancini e in una rivoluzione in questa tradizione di saliscendi. Inter-Napoli? Spalletti all’Inter fino a quando non venne fuori la storia di Icardi ci stava bene e aveva anche lavorato bene. Non ci sono sensi di rivalsa, mi pare una partita di altissimo livello con due allenatori che si stimano, due italiani corretti che sanno fare il loro mestiere. Sarà una gara godibile. Il Napoli sta facendo delle cose che credo sia in grado di continuare a fare. L’Inter è una squadra importantissima ma ha momenti di debolezza: approfittarne è un modo per continuare la strada verso il Tricolore”.

 

Commenti