Inter, cori contro i napoletani: chiuso un pezzo di Curva Nord

Striscione_CurvaInter

Il giudice sportivo ha disposto la chiusura del secondo anello verde della Curva Nord dell’Inter. Il provvedimento è legato ai cori di discriminazione territoriale che alcuni sostenitori nerazzurri hanno intonato sabato sera nel match casalingo con il Napoli. Il giudice sportivo si è basato sulla relazione dei collaboratori della Procura federale “nella quale, tra l’altro, si attesta che sostenitori della Societá nero-azzurra al 19′ e al 24′ del primo tempo, all’11’ ed al 13′ del secondo tempo avevano indirizzato alla tifoseria avversaria dei cori (“Napoli m…, Napoli colera sei la vergogna dell’Italia intera”), costituenti un evidente ‘comportamento discriminatorio per origine territoriale”. I cori sono stati intonati “dalla maggioranza degli occupanti (circa 8.000 persone) il settore denominato ‘secondo anello verde della Curva Nord’ e sono stati perfettamente percepiti dai collaboratori della Procura Federale, collocatisi in varie posizioni nel recinto di gioco”.

CIAO SOSPENSIVA — La decisione è operativa dopo la sospensiva che era stata concessa dopo la prima condanna, nel derby col Milan di andata, quando, il 22 dicembre, la società nerazzurra era stata colpita da un analogo provvedimento che era stato sospeso. La nuova violazione viene punita con la chiusura del settore, nel match dell’11 maggio contro la Lazio, e con un’ammenda di 50.000 euro. In più niente tifosi in quel settore alla prima casalinga del prossimo campionato.

gazzetta.it

Commenti