Napoli, Bigon a caccia di terzini: l’ultima idea è l’olandese Janmaat

NAPOLI – Un Napoli dal profilo internazionale. E’ questa la richiesta di Rafa Benitez per il prossimo mercato. Il direttore sportivo, Riccardo Bigon, si sta muovendo in questa direzione. Gli occhi sono puntati sull’Olanda: il diesse azzurro ha seguito con molta attenzione Dary Janmaat, terzino destro della nazionale considerato un vero e proprio talento. La concorrenza è nutrita, piace anche al Manchester United di Van Gaal, quindi il Napoli sta pensando di accelerare l’operazione per assicurarsi il gioiellino, classe 1989, del Feyenoord. Il giocatore ha già chiarito di voler cambiare aria tanto che ha interrotto le trattative del rinnovo del contratto: quello attuale scade nel 2015, quindi sarà ceduto in questa finestra di mercato. Napoli è una soluzione gradita.

IL CENTROCAMPISTA – Mario Suarez è una possibilità da verificare nei prossimi giorni. In Spagna sono convinti che il mediano, attualmente in vacanza a Miami, possa dire sì alla corte di Rafa Benitez. Ha voglia di lasciare l’Atletico Madrid e ha chiesto apertamente la cessione. Piace anche all’Inter. Restano in stand-by Maxime Gonalons e il brasiliano Sandro, mentre per quanto riguarda Mascherano, tutto dipenderà dalle decisioni del Barcellona che intende trattenere l’argentino.

NAPOLI TRA LE FAVORITE DELLO SCUDETTO – Walter Mazzarri non ha dubbi. Gli azzurri contenderanno il tricolore alla Juventus e alla Roma: “Sono le tre squadre che hanno fatto meglio in questo campionato  –  ha detto a Radio Marte  –  e sicuramente si riproporranno ad alti livelli. Hanno bilanci sani e la possibilità di migliorare ancora. L’Inter? Tutto dipenderà dal mercato. Comincia un nuovo ciclo e tra un po’ capiremo che ruolo potremmo avere. Insigne? Mi fa piacere che sia stato convocato. L’ho fatto io esordire in serie A e ha dimostrato di essere un grande professionista. Mi spiace per Maggio, è un giocatore importante, probabilmente è stato condizionato dall’infortunio”.

serie A

ssc napoli
Protagonisti:
riccardo bigon
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 171 volte