Pecchia ritira il Premio Football Leader per Benitez: “E’ un onore lavorare con Rafa”

Fabio Pecchia ha ritirato ad Amalfi il Premio Football Leader assegnato a Rafa Benitez.

Il premio all’allenatore del Napoli è stato assegnato dalla all’Associazione Italiana Allenatori Calcio (Aiac) con il patrocinio di Figc e Lega Serie A. Il tecnico azzurro ha ricevuto il 74% dei voti come “l’allenatore di serie A che si è distinto per Fair-Play, ovvero per comportamenti o gesti di particolare correttezza e lealtà sportiva, promuovendo altresì i valori più alti dello sport attraverso la sua attività professionale”. Benitez ha inviato un video messaggio di ringraziamento. Queste le parole:

Sono onorato di ricevere questo premio e ringrazio gli allenatori che mi hanno votato. Ringrazio anche De Laurentiis e mi complimento con lui per il premio che ha ricevuto”.

“Non posso essere tra voi perchè sono a Liverpool con la mia famiglia, con voi c’è Pecchia che oltre ad essere il mio vice è un mio amico. Ringrazio lui così come tutti i dirigenti del Napoli perchè senza di loro non sarebbe stato possibile vincere. Questo è un premio di tutti, per la Società e per la squadra. Ringrazio gli organizzatori di Football Leader e speriamo l’anno prossimo di vedere un Napoli spettacolare e ancora più competitivo. Grazie e sempre forza Napoli!”

Pecchia ha poi commentato la sua prima esperienza al finaco dell’allenatore spagnolo: “Per me è un onore lavorare al fianco di Benitez. Lavorare insieme a Rafa è una grande opportunità di crescita professionale ed umana”.

“Ho tanta voglia di proseguire insieme a lui questo progetto iniziato quest’anno. La stagione è stata positiva e sono certo che, avendo conosciuto meglio l’ambiente, possiamo raggiungere livelli ancora più alti sia in Italia che in Europa. Ho molta fiducia in Benitez, nella Società e nel gruppo

fonte – SSCNapoli

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!