Lazio: Donadoni, blitz a Formello. In arrivo incontro con Lotito. Inzaghi e Reja in corsa

ROMA – Dopo Pioli, Donadoni. Continuano i “colloqui” nel centro sportivo di Formello per la panchina della Lazio in vista della prossima stagione. L’allenatore del Parma ha ricevuto il permesso dal dimissionario Ghirardi per parlare ufficialmente con il club biancoceleste e ieri sera si è presentato nel quartier generale biancoceleste: si tratta del primo contatto, oggi dovrebbe andare in scena un altro negli uffici di Villa San Sebastiano di Lotito. Si parlerà del futuro, ma almeno per il momento non arriverà una decisione definitiva.

ANCORA IN CORSA INZAGHI E LOTITO PROVERÀ A CONVINCERE REJA – È ancora il momento delle consultazioni per il presidente della Lazio, che farà la sua scelta entro la metà di giugno. Restano sempre molto alte le quotazioni di Simone Inzaghi, impegnato con la Primavera biancoceleste nelle Final Eight scudetto: dopo aver vinto il derby con la Roma ai quarti, sabato si giocherà la semifinale contro il Torino. Se riuscisse ad arrivare fino in fondo e bissare il la vittoria dell’anno scorso di Bollini, allora le sue chance di succedere a Reja salirebbero ulteriormente. Lui è la principale alternativa a Donadoni. In questi giorni è in programma pure l’incontro con l’allenatore goriziano, che è sempre convinto di non voler restare sulla panchina della Lazio. Lotito farà un ultimo tentativo per convincerlo a cambiare idea, magari mettendo sul piatto alcuni acquisti già concretizzati, tra le numerose trattative in ballo in questo momento. Perché per ora l’unica certezza è proprio questa: tra Candreva, Djordjevic, Parolo, Basta, De Vrij, Astori e Paletta la società biancoceleste è attivissima sul mercato e sta lavorando per costruire una squadra capace di lottare per posizioni alte di classifica. I dubbi sono su chi la guiderà tra Reja, Donadoni, Inzaghi e l’outsider Pioli. Una scelta che Lotito sta analizzando nei minimi dettagli.
 

serie A

ss lazio
Protagonisti:
claudio lotito
roberto donadoni
Fonte: Repubblica

Commenti