Monte ingaggi da rispettare: Reina lontano da Napoli. No del club azzurro per Marchetti

Il Napoli non intende calare una scure sull’attuale tetto degli ingaggi fissato a quota 75 milioni (il quarto in Italia), nonostante non abbia la certezza del tesoro della Champions. Ma, sia chiaro, non intende neppure ridurlo. Di sicuro, non dovrà crescere. Le parole di Benitez su Reina («Non possiamo permetterci il suo ingaggio») vanno lette nell’ottica di una precisa strategia.De Laurentiis ha già deciso per una linea senza eccessi, con un tetto massimo degli ingaggi che non può superare quota 2,5 milioni per ogni contratto. Eccezion fatta per il bomber: prima Cavani (5,7 a stagione) e poi per Higuain(5,5). Chiunque arrivi dalle parti del Napoli, deve adeguarsi ai parametri. È la spending review napoletana confida nelle capacità tecniche di Benitez, il guru di Madrid, nel plasmare un nuovo Napoli, dedito al bel gioco evincente. Sull’ottovolante del mercato milionario il Napoli questa estate non salirà: dunque, niente Reina. L’operazione per il portiere spagnolo – che non accetta né la spalmatura dell’ingaggio fino al 2017 e neppure uno sconto-consente di«risparmiare » all’incirca 20 milioni. Il Napoli, poi, non intende dirottare risorse su un altro portiere: il titolare sarà il brasiliano Rafael, la riserva Andujar. Niente Marchetti, nonostante sia stato offerto dalla Lazio su un piatto d’argento.

Il Mattino

Commenti