Juventus, Vidal avverte: ”Non so se il mio ciclo in bianconero sia finito”

TORINO – A Vinovo c’è chi arriva e chi rischia di partire. Nel giorno della presentazione di Massimiliano Allegri che ha scelto la linea morbida con gli azzurri concedendo loro una settimana in più di vacanze (per Pogba proroga fino al 31), c’è chi come Arturo Vidal pone qualche dubbio sul suo futuro. Il cileno, tra i protagonisti del Mondiale in Brasile, non ha sciolto i dubbi sulle voci di mercato che lo rincorrono da qualche settimana. Se da Vinovo l’ad della Juventus, Beppe Marotta, ha ribadito l’incedibilità del centrocampista, dal Cile, infatti, l’antifona è leggermente differente. “Per adesso sto lavorando per ritrovare forza e mobilità – le parole di Vidal a margine dell’inaugurazione del suo centro sportivo a Chicureo, in Cile, e riportate dalla stampa locale -. Ad oggi non posso dire se il mio ciclo alla Juventus sia completato. Ma se resto, intendo continuare a fare le cose per bene”.

SPIRAGLI POSITIVI – Il giocatore, insomma, non esclude nè di rimanere nè di andare via. Ma un’altra frase lascia intendere che il suo futuro potrebbe essere ancora bianconero: interrogato sul possibile arrivo del connazionale Medel all’Inter, Vidal confessa che “sarebbe bello affrontarlo in Italia, spero che possa accadere”.

PRATICAMENTE FATTA PER MORATA, MA IL WOLFSBURG CI PROVA –
Così, mentre il club prova a difendersi dall’assalto per il cileno, si fa sempre più concreta la pista che porta ad Alvaro Morata. La trattativa tra la Juventus e il Real Madrid ha subito nella notte una forte accelerata dopo che nell’affare si è inserito prepotentemente il Wolfsburg. L’approdo in bianconero del giovane attaccante spagnolo sembra ormai roba fatta. Troppa la concorrenza in casa Real per Morata che in Italia, con i suoi 190 cm di altezza e con la straordinaria potenza fisica che gli permette di dare una mano anche in fase difensiva, potrebbe mettere alle strette il titolarissimo Llorente.

juventus

serie A
Protagonisti:
arturo vidal

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 156 volte