Juventus, il rinnovo di Pogba diventa un giallo. Difesa e attacco, la caccia al rinforzo continua

TORINO – John Elkann ha promosso il lavoro di Beppe Marotta e Fabio Paratici, ma lo shopping della Juventus non è ancora finito. Così come i lavori per blindare i migliori attori del cast di Allegri. A breve verrà annunciato il prolungamento fino al 2018 del contratto di Chiellini. Più avanti toccherà a Buffon, per il quale – Marotta dixit – è pronto un “rinnovo in bianco”. Mercoledì, a Villar Perosa, l’ad bianconero ha rivelato di aver avviato la negoziazione per adeguare e allungare anche l’accordo con Pogba dal 2016 al 2019 a 4,5 milioni più bonus. Notizia seccamente smentita sull’Equipe dall’entourage del francese che, pur assicurando che “Paul si trova bene a Torino”, non esclude un colpo di scena sulla sirena del mercato: “Non c’è stato nessun incontro e non è prevista alcuna discussione. Gli ultimi dieci giorni di trattative si annunciano importanti e movimentati”. La versione online del quotidiano transalpino, infine, manda un avviso ai naviganti bianconeri: “United, Chelsea e Bayern sono appostati”. Il giallo è servito, anche se da Corso Galileo Ferraris ribadiscono quanto dichiarato ieri dall’ad bianconero: “La trattativa è più che avviata, il club conta di dare l’annuncio del rinnovo di Pogba in tempi brevi”.


MARRONE O LUISAO? OGBONNA O NASTASIC? –
Prosegue intanto la caccia a un difensore centrale. Marrone sta convincendo Allegri, ma la Juve non smette di pensare all’esperto 33enne Luisao (Benfica). Il portoghese è pronto a firmare un biennale da 3 milioni a stagione, manca “soltanto” l’intesa con le “Aquile”, comprensibilmente contrarie a svendere il loro capitano di lungo a corso. L’arrivo del 21enne Nastasic (City) in prestito con diritto di riscatto, invece, è subordinato a un’eventuale partenza di Ogbonna. Prosegue anche la ricerca di un nuovo vice-Buffon: la Juve vorrebbe liberare Storari, pronto a dire sì al Sassuolo, ma non ha ancora trovato un sostituto all’altezza del 37enne romano.

FALCAO, LAVEZZI, JOVETIC, HERNANDEZ E LUIZ ADRIANO – Ma a dieci giorni dalla chiusura delle trattative, la priorità è per l’attacco, dove arriverà sicuramente un rinforzo (due in caso di partenza di Giovinco, sul quale si sta muovendo il Torino), meglio se in prestito, possibilmente a prezzi da saldo. La Juve attende le occasioni che al solito si materializzeranno negli ultimissimi giorni di mercato, dopo l’inevitabile effetto-domino che scateneranno alcuni trasferimenti eccellenti. Visto che sognare non costa niente, si seguono con interesse le sorti dei vari Falcao (Monaco), Lavezzi (Psg) e Jovetic (City), anche se quest’ultimo, a differenza dei primi due, non sembra intenzionato a traslocare. Sempre valida anche l’opzione Chicharito Hernandez (United), ma il nome nuovo, a detta di Sportmediaset, è quello di Luiz Adriano, valutato 8-10 milioni dallo Shakhtar Donetsk e monitorato anche dalla Roma. Il 27enne brasiliano è però una punta centrale, mentre l’identikit tracciato da Allegri e Marotta è quello di una seconda punta eclettica.

PEREYRA: “LAVORIAMO PER VINCERE” – Intanto è cominciata “la discesa verso il campionato”, come ha annunciato lo stesso Allegri. Nel menu odierno due sedute di allenamento, con Vidal e Romulo finalmente in gruppo. Proseguono le prove generali di difesa a quattro, impianto che verrà nuovamente collaudato al Trofeo Tim di sabato a Reggio Emilia, in vista della prima uscita ufficiale di sabato 30 agosto in casa del Chievo. Per il passaggio dal 3-5-2 al 4-3-2-1 (o 4-3-1-2) sarà fondamentale l’apporto di Roberto Pereyra, subito a suo agio nel ruolo di trequartista: “Faccio quello che mi chiede il mister, gioco dietro alle punte, però mi piace agire anche da mezzala. Esterno in un tridente? Perché no? Se l’allenatore vuole…”. Poi, sui suoi primi giorni in bianconero: “Qui sto benissimo – conclude il Tucumano, intervistato da Sky Sport -, grazie alla splendida accoglienza ricevuta dai tifosi e dai miei nuovi compagni mi sono subito sentito come a casa. Mi auguro di poter ricambiare l’affetto giocando e segnano il più possibile. La Juve deve dare il massimo per vincere lo scudetto, ed è per questo che stiamo lavorando duramente”. juventus

serie A
Protagonisti:
paul pogba

Fonte: Repubblica

Commenti