Fiorentina, Basanta senza paura: ”Possiamo vincere lo scudetto”

FIRENZE – Arriva direttamente dalla finale mondiale il nuovo acquisto in casa Fiorentina. Si chiama Josè Maria Basanta e può giocare sia nella difesa a tre che in quella a quattro. Per capire quali siano i suoi obiettivi basta aspettare qualche minuto dall’inizio della sua presentazione in sala stampa: “Possiamo arrivare tra le prime quattro in classifica e magari vincere uno scudetto”. Si, ci mette poco il 30 enne difensore della nazionale argentina a pronunciare la fatidica parolina di otto lettere. Scudetto. E lo ripete senza paure: “Ho scelto la Fiorentina perché la ritengo una grande opportunità in un momento particolare per la mia carriera. E’ stata una scelta presa con la mia famiglia: reputo il calcio italiano uno dei migliori al mondo e la Fiorentina un grande club dove crescere”. E magari puntare a traguardi che con la permanenza di Cuadrado potranno risultare più ambiziosi: “Ha già dimostrato le sue qualità. Spero che possa continuare a crescere e che vada a giocare nella squadra che desidera. Però spero possa restare a Firenze perché è un giocatore che fa la differenza in campo e ci aiuterebbe a lottare per il campionato”. Esatto, il campionato. L’obiettivo dichiarato dall’ex Monterrey è quello. E nel mirino c’è già la Juventus del connazionale Tevez: “So bene che la sfida contro la Juventus è molto sentita, ho visto alcune foto in particolare (Basanta sorride, ndr). Ho giocato con Carlitos quando ero giovane e non vedo l’ora di incontrarlo di nuovo”.

SOGNO MONDIALE – Basanta è già pronto per iniziare una nuova avventura in viola. Lo si legge nello sguardo deciso e concentrato. Prima gara all’Olimpico contro la Roma, sabato sera: “Sto bene fisicamente, sono a disposizione del mister”. Poi qualche aneddoto legato alla sua gioventù, come quello che racconta col sorriso stampato sulle labbra: “Quando avevo 17 anni Carlos Bilardo mi portò con Sosa a spaccare la legna, perché disse che ero gracile dal punto di vista fisico”. Adesso tutt’altro. Qui a Firenze ritrova Gonzalo Rodriguez, uno che nella nazionale spera ancora: “Gonzalo è un grande giocatore. Penso che gli osservatori dell’Argentina siano venuti spesso a vederlo ma l’allenatore passato ha fatto altre scelte. Adesso però con il nuovo c. t. credo che potrà rimettersi in gioco”. Già, il mondiale. Sfumato proprio all’ultimo miglio, contro la Germania: “È stata un esperienza importantissima dove ho potuto giocare contro i migliori giocatori al mondo. E credo che Messi sia il migliore del mondo: anche in allenamento riesce a sorprenderti sempre con delle giocate nuove e questo mi ha permesso anche di migliorarmi sempre”. E su Gomez? “E’ un grande giocatore, sono sicuro che tornerà presto in nazionale”. Infine un battuta sul suo soprannome, la bestia: “Non ho nessun problema a riguardo ma me lo misero in Messico, perché Josè Maria è un nome che si presta a questo tipo di appellativo”.

DUBBI PER MONTELLA – In vista della prima gara di campionato, sabato alle 20.45 all’Olimpico, l’aeroplanino dovrà fare i conti con infortunati e squalificati in casa viola: Rossi (settimana prossima nuovi accertamenti), Pizarro (possibile recupero sul gong), Cuadrado e Roncaglia (squalificati). Possibile dunque che possa optare per un attacco composto da Gomez punta centrale con Babacar ed Ilicic ai lati. In difesa Gonzalo e Savic comporranno la coppia centrale, con Basanta pronto a lottare da subito per un posto da terzino.

Forentina

Protagonisti:
josè maria basanta
Fonte: Repubblica

Commenti