Juventus, Vidal si ferma: niente Udinese e Malmoe, si prova per il Milan

TORINO – E’ ancora troppo presto per una prognosi definitiva, ma Arturo Vidal potrebbe cavarsela con una decina di giorni di stop. Il cileno salterà sicuramente l’anticipo di sabato contro l’Udinese e la prima di Champions, martedì 13 contro il Malmoe. All’inizio della prossima settimana verrà sottoposto a nuovi accertamenti. Se le risposte saranno positive, la Juve proverà a recuperarlo in tempo per l’impegno di sabato 20 con il Milan. Altrimenti il rientro slitterà al turno infrasettimanale con il Cesena oppure alla trasferta in casa dell’Atalanta che anticiperà i due big match contro Atletico Madrid e Roma.

E’ andata male, ma poteva andare molto peggio. Questa mattina Vidal si è sottoposto presso la Clinica Fornaca di Torino agli accertamenti diagnostici che hanno confermato il sospetto clinico di lieve distrazione muscolare a carico del semitendinoso della coscia destra. “Il numero 23 bianconero ha subito iniziato il programma di riabilitazione – informa il sito ufficiale bianconero -, le sue condizioni verranno monitorate con nuovi accertamenti la prossima settimana”. Nessun problema al ginocchio destro operato e spesso infiammato, dunque. Nessuna lesione muscolare. Soltanto un leggero stiramento rimediato durante l’amichevole Cile-Messico, disputata nella notte italiana tra domenica e lunedì.

Non può comunque sorridere Allegri, che contro l’Udinese dovrà fare a meno anche di Pirlo e dello squalificato e infortunato Chiellini – quest’ultimo con tutta probabilità assente anche contro il Malmoe -, mentre i recuperati Barzagli e Morata, ancora in ritardo di condizione, al massimo potranno andare in panchina. Di fronte a Di Natale e compagni, i bianconeri dovrebbero riproporre il 3-5-2 made in Conte: Caceres, Bonucci e Ogbonna a protezione di Buffon; Lichtsteiner e Asamoah (o Evra) in corsia, Marchisio in regia scortato da Pogba e da uno tra Asamoah e Pereyra, con attacco affidato alla premiata coppia Tevez-Llorente.
 

juventus

serie A
Protagonisti:
arturo vidal
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 162 volte