De Sciglio-Diego Lopez, che papera! Gli autogol più strani

Nell’incredibile partita tra Parma e Milan abbiamo assistito al clamoroso autogol del difensore, con il portiere che si accascia a terra mentre rincorre la palla. Ecco una carrellata di assurde autoreti provocate da retropassaggi avventati
di Luciano Cremona

Nella cinematografica Parma-Milan, partita dalla sceneggiatura schizofrenica e impensabile, abbiamo assistito anche ad un autogol clamoroso, come da tempo non ne vedevamo sui campi della Serie A. Il retropassaggio di De Sciglio a Diego Lopez portava con sé un carico di insidiosità troppo alto: fin dalla scuola calcio si insegna che l’alleggerimento all’indietro verso il proprio portiere va effettuato indirizzando la palla al di fuori dello specchio della porta. In caso di errore del portiere nello stop, così, non si incorre in una goffa autorete. È quanto si è verificato al Tardini, con Diego Lopez preso in controtempo: quando poi il portiere spagnolo ha provato a rincorrere il pallone, ha sentito una fitta alla coscia e si è accasciato al suolo, mentre la palla è rotolata in porta.

Infortunio vero o simulato per mitigare la figuraccia? I tifosi più maligni hanno subito optato per la seconda ipotesi, paragonando il portiere spagnolo all’ex rossonero Dida (ricordate il buffetto con il Celtic?). La coppia de Sciglio-Diego Lopez è comunque in buona compagnia: sono tante le autoreti scaturite da retropassaggi troppo rischiosi o da pessimi controlli da parte dei portieri. Ecco una carrellata.


Empoli-Inter 1-0, 94′ aut. Materazzi (30 aprile 2006)

Terzultima giornata del campionato 2005/2006, posta in palio bassissima. Al 94′, dopo uno stanco 0-0, Materazzi alleggerisce quasi dall’altezza del cerchio di centrocampo verso Julio Cesar. Pallonetto morbido, portiere fuori dai pali, autogol spettacolare.

Genclerbirigi-Gaziantepsor, aut. Ante Kulusic (17 aprile 2012)
Un autogol simile a quello di De Sciglio in Parma-Milan. Il difensore tocca la palla da centrocampo verso il proprio portiere, beffandolo. Gli avversari festeggiano e ridono di lui.

Cska Mosca-Viktoria Plzen 3-2, 78′ aut. Reznik (2 ottobre 2013)
Anche la Champions ha nei suoi annali una fresca autorete provocata da un retropassaggio centrale e da un non-stop da parte del portiere: Kozacik, portiere del Viktoria, non controlla il tocco di Reznik. Assurdo.

Croazia-Inghilterra 2-0, aut. G. Neville (11 ottobre 2006)
Una delle autoreti più pesanti di sempre. Partita molto importante per le qualificazioni ad Euro 2008: in Croazia, Gary Neville tocca la palla verso il proprio portiere, Paul Robinson. Il quale carica la gamba per effettuare un potente rinvio. Ma una zolla fa saltare il pallone, la gamba di Robinson gira a vuoto. Autogol storico.

Rennes-Celtic 1-1, aut. Cha Du Ri (21 ottobre 2011)
Da vedere e rivedere, con il coreano che appoggia al centro della propria porta anticipando il portiere che era in uscita. Tempismo perfetto per un autogol perfetto.

Atalanta-Juventus 1-2, aut. Thuram (30 gennaio 2005)
Direste mai che due monumenti come Thuram e Buffon possano aver combinato un pasticcio del genere? Tocco di punta del francese, mancato aggancio del portiere che poi goffamente non riesce ad evitare l’autorete.

Romania-Grecia 1-1, aut. Torosidis (19 novembre 2013)
Poteva costare carissimo, visto che si stava giocando il playoff per andare ai Mondiali. Protagonista il terzino greco della Roma Torosidis, tra i pali un incredulo Karnezis, attuale numero 1 dell’Udinese. Un destro chirurgico, un tiro bellissimo. Nella porta sbagliata.

Fonte: SkySport

Commenti