Lazio, Parolo ci crede: “Se diamo tutti il 100% abbiamo pochi rivali”

ROMA – Con così tanti giocatori Pioli può sbizzarrirsi. Soprattutto a centrocampo, l’abbondanza della rosa permette all’allenatore di studiare varie soluzioni e pensare a come gestire l’organico nella prossima settimana, con la Lazio impegnata 3 volte in 8 giorni. Nell’ultimo allenamento il tecnico ha scomposto la linea mediana titolare vista nelle prime due gare di campionato Parolo, Biglia, Lulic: da una parte ha messo Parolo, Ledesma e Mauri, dall’altra Onazi, Biglia e Lulic. Si tratta solo di prove, ma allo stesso tempo di due valide alternative che potrebbero essere testate nei prossimi match con Genoa, Udinese e Palermo.

PAROLO: “A NOI CENTROCAMPISTI PIOLI CHIEDE DI FARE GOL” – Probabile che a Marassi Pioli opti per una mediana più conservatrice rispetto al solito, con l’inserimento di Ledesma (più difensivo rispetto al connazionale Biglia) in regia e il capitano Mauri, tra i giocatori più in forma, al posto di un Lulic ancora non al 100%. Al loro fianco Parolo, che apprezza la concorrenza: “In ogni partita – spiega il nazionale azzurro a LazioStyleRadio – ci può essere il valore aggiunto che entra e cambia il corso della gara, ancora di più quando gli avversari sono stanchi. Deve essere un’arma in più, è bravo il mister a tenere tutti sulle spine e a pretendere che tutti siano concentrati e pronti a entrare. È una cosa che mi piace molto perché spesso non succede: se tutti remano dalla stessa parte la barca va sempre più forte”. A livello individuale lui è partito benissimo, con due gol in tre partite ufficiali: “Il gioco che facciamo ci permette di segnare, abbiamo tanti giocatori bravi a saltare l’uomo sugli esterni, bisogna solo trovare il tempo e lo spazio di inserirsi in area. Il mister sta lavorando molto su questo, noi centrocampisti dobbiamo dare un contributo importante anche in fase realizzativa”.

“SE DIAMO TUTTI IL 100% ABBIAMO POCHI RIVALI” – Altra richiesta del tecnico è quella di avere sempre un atteggiamento propositivo: “Sì, ma la prima fase è quella di non possesso. Se siamo aggressivi appena perdiamo palla, i nostri avversari fanno fatica a ripartire, facciamo più gioco e riusciamo a stare di più nella metà campo avversaria. Il mister è molto bravo nel preparare la partite, sappiamo tutti cosa fare in campo: se lo seguiamo i risultati arriveranno”. Parolo spera che già contro il Genoa possa arrivare un’altra vittoria, per confermare quanto di buono visto con il Cesena. I rossoblù però sono avversari molto ostici per la Lazio, che non riesce a vincere da due anni: “Se scendiamo in campo con la mentalità giusta come fatto domenica, possiamo dire la nostra e fare la partita. Ci aspetta un ambiente caldo, una squadra aggressiva, ma se noi giochiamo come sappiamo e ci aiutiamo l’un l’altro possiamo fare bene. Se diamo tutti il 100%, questa squadra ha pochi rivali. Quel clima che troveremo dà la carica anche a noi, come domenica scorsa. Se trovi i tifosi che ti incitano sin dall’inizio ti viene da correre di più. Ma anche in trasferta se ci sono stadi pieni hai voglia di metterti in mostra, non te la fai mica sotto”. C’è tanta consapevolezza nei propri mezzi in casa biancoceleste, con la sicurezza di poter ancora crescere: “Siamo solo all’inizio della stagione. Dopo la sconfitta con il Milan l’avevo detto: questa squadra potrà dir la sua tra un paio di mesi”.

TUTTA LA ROSA IN CAMPIDOGLIO PER LA FOTO UFFICIALE – C’era anche Parolo, insieme a tutta la rosa e lo staff tecnico, nel pieno centro di Roma, in Campidoglio, per posare per la foto ufficiale di questa stagione. I giocatori della Lazio si sono fatti immortalare nella celebre piazza romana, un po’ come successe due stagioni fa quando lo sfondo era invece il Colosseo. Possibile ci sia di mezzo anche un pizzico di scaramanzia: i biancocelesti conclusero quella stagione con la vittoria della Coppa Italia sulla Roma.

serie A

ss lazio
Protagonisti:
marco parolo
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 152 volte