Fiorentina-Sassuolo 0-0: attacco spuntato, viola ancora a secco al Franchi

FIRENZE – I pali che a Bergamo avevano salvato la Fiorentina, questa volta frenano la rincorsa dei viola. Al di là dei due episodi che hanno visto Cuadrado e Borja Valero a un passo dal gol, però, la squadra di Montella ha fatto troppo poco per battere un Sassuolo che ha pensato solo a difendersi, ma che è tornato a casa con un punto pesante in ottica salvezza. Nella Fiorentina le assenze in attacco si fanno sentire, ma anche il centrocampo e gli esterni non riescono ad assicurare alla squadra la fluidità e le accelerazioni che sarebbero necessarie per scardinare la monolitica retroguardia di Di Francesco, bravo a fare tesoro della disfatta di San Siro.
LE SCELTE – C’era attesa per capire se Montella avrebbe puntato sulla linea verde, mandando in campo sia Babacar che Bernardeschi dal primo minuto, ma il tecnico viola preferisce l’esperienza di Joaquin alla freschezza dell’ex Crotone. La caviglia dolorante blocca Pizarro e la cabina di regia a centrocampo viene affidata ad Aquilani, mentre Alonso vince ancora il ballottaggio con Pasqual. Nel Sassuolo, privo dello squalificato Berardi, Di Francesco relega in panchina Zaza e schiera Floccari al centro dell’attacco.

VIOLA TROPPO PREVEDIBILI – Nel primo tempo il possesso palla è a senso unico. La Fiorentina staziona quasi costantemente nella metà campo neroverde, ma gli emiliani si difendono con ordine e concedono pochi spazi. I più attivi tra i viola sono Cuadrado, che al 12’ colpisce un clamoroso palo a Consigli ormai battuto, e Joaquin. Montella prova anche ad invertire i due esterni per scardinare la difesa del Sassuolo che però, pur non riuscendo quasi mai a ripartire efficacemente, non corre ulteriori pericoli, se non su un tiro di Joaquin dalla sinistra che, deviato, sibila non molto distante dal palo opposto. Per il resto la manovra gigliata appare troppo lenta e prevedibile. Quando Aquilani, al 44’, riesce a trovare il corridoio giusto per Babacar, il senegalese si allunga troppo la palla in area e favorisce la chiusura di Antei, comunque provvidenziale.
 
SECONDO TEMPO SENZA MOLTI SUSSULTI – Il canovaccio non cambia nella ripresa. La Fiorentina continua a gestire il gioco, ma le difficoltà incontrate nel primo tempo si materializzano ancora. A dispetto del modulo a tre punte, la squadra di Di Francesco è tutta schiacciata dietro la linea della palla e la Fiorentina non riesce ad alzare il ritmo. Ai viola servirebbe un assolo, ma Cuadrado e Joaquin, dopo una buona prima parte di gara, latitano e vengono entrambi sostituiti. L’occasione buona capita sul destro di Borja Valero al 60’, ma il morbido tocco di esterno dello spagnolo si infrange sul palo. Di Francesco modifica l’assetto tattico dei suoi, inserendo un difensore (Gazzola) per un attaccante (Floro Flores) e la Fiorentina sbatte su un muro che non riesce mai a valicare. Finisce 0-0 e, se il Sassuolo porta a casa un punto che fa morale e classifica, la Fiorentina deve cercare di invertire presto la tendenza per non rischiare di compromettere la sua stagione con una falsa partenza.

FIORENTINA-SASSUOLO 0-0
Fiorentina (4-3-3): Neto 6; Tomovic 6, G.Rodriguez 6, Savic 6, Alonso 6; Kurtic 5.5, Aquilani 6, Borja Valero 6 (40′ st Mati Fernandez sv); Joaquin 6 (24′st. Bernardeschi 5.5), Babacar 5.5, Cuadrado 6 (31′ st Ilicic sv). In panchina: Tatarusanu, Hegazi, Richards, Basanta, Pasqual, Badelj, Pizzaro, Lazzari, Brillante All.: Montella.
Sassuolo (4-3-3): Consigli 6 Vrsaljko 5.5, Cannavaro 6.5, Antei 6.5, Longhi 6 (12′st Peluso 6); Chibsah 5.5 (37′ st Taider sv), Biondini 6.5, Magnanelli 6.5; Sansone 5.5 (13′ st Gazzola 6), Floccari 5.5, Floro Flores 6. In panchina: Pomini, Polito, Ariaudo, Acerbi, Gliozzi, Missiroli, Brighi Pavoletti, Zaza All.: Di Francesco.
Arbitro: Cervellera di Taranto.
Note – Spettatori: 28.175. Incasso: 457.249 euro. Ammoniti: Gonzalo Rodriguez, Bernardeschi, Vrsaljko, Floro Flores. Angoli: 10-3 per la Fiorentina. Recupero 0′; 3′st.

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 156 volte