Marek Hamsik e la sfida con il suo maestro Mazzarri

Marek Hamsik e Walter Mazzarri sono due personaggi molto riservati, ed è proprio per questo che definire il loro rapporto risulta molto difficile: allievo e maestro, totem del campo e della panchina, fratello maggiore e minore, amici… Chissà. La certezza, però, è la base che rende il resto un mix di semplici sfumature: tra il capitano del Napoli e il tecnico dell’Inter c’è un rapporto intenso. Strettissimo, solido, schietto. Che, domani, renderà speciale la giornata di Marek. E la sua sfida a un passato che gli piaceva davvero tanto.

IL BRIVIDO. E allora, la sintesi: agonismo più ambizioni più sentimenti. Sia chiaro: è fuori discussione che Hamsik giocherà al massimo delle sue possibilità e farà di tutto per aiutare il Napoli a vincere, però, magari prima e dopo la partita, è possibile che qualche brivido gli spacchi la schiena e il cuore. Soprattutto ripensando alle immagini di Mazzarri avversario che si agita e si toglie la giacca davanti alla panchina dell’Inter. Sarebbe interessante sapere cosa si dicono quando parlano, e anche quante volte si sentono in un mese; sarebbe forte sapere se l’allenatore invia sms alla Mourinho o se nell’ultimo anno si sono mai incontrati. Magari a cena.

IL MEGLIO. Considerando che un certo tipo di curiosità è destinata a rimanere tale, è bene basarsi sui fatti. Anzi, sul fatto: se Hamsik e il mito della cresta del gol sono venuti fuori con Reja, è con Mazzarri che il ragazzo dell’Est ha dato il meglio. In Italia e in Europa. E d’accordo certe pause congenite, però l’Hamsik di ieri era un altro giocatore rispetto a quello di oggi. Il Napoli di Rafa, che l’ha promosso capitano dopo la partenza di Cannavaro, è ancora in attesa del miglior Marek: nella stagione precedente l’infortunio e il cambio tattico ne hanno condizionato il rendimento, è vero, però quest’anno qualche segnale è già arrivato e in Nazionale ha dimostrato una certa duttilità (schierato anche da falso nueve). Magari ci siamo; magari il tappo esploderà a San Siro.

LA PRIMA. Domani, tra l’altro, per il capitano azzurro dovrebbe finalmente arrivare anche la prima da titolare al cospetto del mentore: l’anno scorso, infatti, Marek fu costretto a saltare la partita del San Paolo per problemi fisici e al ritorno di Milano, con la finale di Coppa Italia dietro l’angolo, prese parte soltanto negli ultimi venti minuti. Poco. Niente rispetto alle aspettative di questa vigilia: in campo dall’inizio, con la fascia di capitano al braccio sinistro e carico di adrenalina dopo le due vittorie (e i due gol) con la Slovacchia. Splendidi presupposti, per lui; decisamente meno per Mazzarri, impegnato nella risoluzione di una storia che rischia di precipitare proprio con il Napoli di Hamsik. L’allievo prediletto. Il suo Marek. Capitano avversario.

Corriere dello Sport

Commenti