Lazio, Lotito: “Keita deve essere un esempio. Con il Bayern tiferò Roma…”

ROMA – Bacchetta Keita, esalta Djordjevic e Klose e… tifa Roma. Il presidente della Lazio Claudio Lotito spazia su più fronti intervenendo a  “Tutti convocati”, in onda su Radio24. “La città di Roma condiziona i comportamenti delle persone. Una città avvolgente e altamente mediatica. Bisogna fare in maniera che questi ragazzi capiscano l’importanza di essere un punto di riferimento anche negli atteggiamenti fuori dal campo”, ha detto  commentando l’incidente stradale dell’attaccante biancoceleste Keita Balde Diao che, la scorsa notte, ha distrutto la sua Lamborghini. Solo elogi invece per Filip Djordjevic, in gol anche a Firenze: “E’ un grande professionista, una persona esemplare, di grandi qualità morali e tecniche agonistiche Ha il suo merito perchè segna, è un valore aggiunto. La filosofia di questa squadra è quella del collettivo dove ognuno dà il suo apporto per raggiungere gli obiettivi”.

A farne le spese Miroslav Klose, relegato in panchina. “E’ arrabbiato? No è un esempio per tutta la squadra – ha sottolineato Lotito -. E’ uno che sprona le persone che scendono in campo.  funzionale all’arricchimento della rosa con la sua presenza, non solo con i suoi gol”. Con il successo sulla Fiorentina, la Lazio è a tre punti dalla zona Champions. “La stampa non la candida per il terzo posto? Noi non seguiamo molto i pronostici mediatici – ha concluso il presidente -, lasciamo agli altri diffondere le notizie o le aspettative. Noi vogliamo misurarci sulla politica del fare, sui fatti”.

Infine, a sorpresa, il tifo per la Roma: “Guarderò Roma-Bayern Monaco. Sono un amante del calcio e guardo tutte le partite, guardare gli avversari fa sempre comodo. Il tifo? Va fatto sempre per le squadre italiane. Il problema nostro è il ranking, è interesse di tutti ottenere risultati con le squadre italiane”.

ss lazio

serie A
Protagonisti:
claudio lotito
Fonte: Repubblica

Commenti