Mollichelli: “Higuain-Hamsik, non si riesce a capire cosa sta accadendo”

ADOLFO MOLLICHELLI, giornalista, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi sul Calcio Napoli proposti da NapoliMagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, su Radio Punto Zero, con Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo in conduzione, per il consueto punto sugli azzurri. Ecco quanto ha affermato: “Non ci vuole molta saggezza per dire che sono stati due punti buttati a mare contro l’Inter. Già il primo tempo regalato completamente ai nerazzurri mi è sembrato indecente, perché poi abbiamo visto nella ripresa un Napoli diverso che può anche disporre dell’avversario come vuole. Voglio andare controcorrente, se Britos, giocatore spesso criticato, fosse stato in campo fino alla fine, credo che il Napoli non avrebbe subito il gioco aereo dell’Inter. Su Hamsik e Higuain non riesco più a trovare il bandolo della matassa, soprattutto per il primo. Non credo che il rendimento dello slovacco sia condizionato dalla posizione in campo, forse è solo una questione psicologica, sente troppe responsabilità. Per quanto riguarda l’argentino, è diventato bisbetico, ma credo che gli manchi maledettamente il gol. Tra le squadre italiane, credo che il Napoli si distingua anche per l’educazione, d’altronde Benitez è uno di quegli allenatori che chiedono ai giocatori di mantenere un atteggiamento molto sereno, però Orsato poteva vedere meglio. Non credo che l’allenatore spagnolo smentirà se stesso e a Berna sicuramente farà ruotare qualche uomo. Attenzione agli svizzeri, sempre pericolosi. L’Europa League non deve essere definita una coppetta per tanti motivi, su tutti, perché vincere è sempre bello e fa contenti i tifosi”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!