Garcia e Benitez d’accordo: “Che sia una festa di sport”

È il giorno di Napoli-Roma, cinque mesi dopo la tragedia all’esterno dello stadio Olimpico, prima della finale di coppa Italia degli azzurri contro la Fiorentina. Benitez e Garcia lanciano messaggi molto distensivi. «Per onorare Ciro dovremo parlare alla fine della partita solo di un bello spettacolo di calcio, di un gol segnato o sbagliato. Dobbiamo mandare un messaggio positivo dal punto di vista calcistico e della cultura sportiva», le parole dell’allenatore del Napoli. «Siamo riuniti intorno alla stessa passione, questo è il bello del calcio che deve essere rispetto per gli altri colori, una festa e non una guerra. Una famiglia non si deve domandare se portare o meno un bambino alla stadio», il pensiero del tecnico della Roma. Rispetto e convinzioni. Rafa rispetta Rudi. «La Roma è una squadra fortissima ed è in testa alla classifica, brava a difendere e ripartire e nel palleggio. Segna tanti gol e ne subisce pochi. Noi però se giochiamo con carattere, personalità e al massimo dell’intensità partite di questo tipo possiamo vincerle come abbiamo già dimostrato l’anno scorso», l’analisi dello spagnolo. Rudi rispetta Rafa. «Il Napoli è una squadra fortissima in attacco, soprattutto quando gioca in casa, ma concede qualcosa in difesa. Sappiamo che sarà difficile ma non cambieremo il nostro atteggiamento vogliamo fare  una bella partita e soprattutto tornare con un risultato positivo», quella del francese. Esame chiave. Una partita chiave. Il Napoli tra la trasferta di Milano con l’Inter e quella di Bergamo ha buttato via quattro punti. Benitez sta ritrovando la sua squadra, quella dell’anno scorso, e guarda in maniera positiva alla stagione. «Avremmo meritato più punti ma non ha senso guardare indietro. In questo campionato anche le squadre forti perdono punti, tipo la Juventus a Genova. Se dovessimo vincere contro la Roma potremmo guardare avanti ancora con più fiducia in un cammino che si chiuderà a maggio. I numeri dicono che dobbiamo migliorare la fase difensiva, anche se concediamo solo uno o due tiri purtroppo stiamo prendendo gol», dice Rafa. Garcia si attende una risposta importante dalla sua squadra, nella seconda trasferta molto difficile dopo quella di Torino con la Juventus. «Sappiamo tutti che andare a Napoli è difficile. Ma siamo primi e abbiamo parametri positivi per fare risultato», spiega l’allenatore giallorosso. Recuperati e infortunati. Benitez ritrova Gargano dopo la frattura allo zigomo, tra i convocati anche Michu l’unico indisponibile è Zuniga per l’infortunio al ginocchio destro. «Gargano potrà indossare una mascherina e sarà con noi. Zuniga ha problemi al ginocchio, farà un altro controllo e valuteremo la strada migliore, anche la possibilità di un intervento, per farlo tornare in campo il prima possibile», dice Rafa. Garcia recupera il difensore greco Manolas, stop di Astori di quindici giorni che si aggiunge ad altri infortunati. «Spero tornino tutti, abbiamo altre tre partite difficili per finire la serie».

Fonte: Il Mattino

Commenti

Questo articolo è stato letto 474 volte