NEWS

Già De Laurentiis aveva lanciato l’allarme sicurezza…

L’allarme era stato lanciato da De Laurentiis quarantott’ore prima della finale. Giovedì Primo maggio aveva telefonato al prefetto di Napoli, Musolino, e al questore Romano manifestando preoccupazione per il piano di ordine pubblico disposto a Roma per la sfida con la Fiorentina. C’era un forte timore per agguati di ultrà di Roma e Lazio a carovane di tifosi napoletani, proprio come accadde nel 2012 per la finale di Coppa Italia contro la Juve, ma a differenza di due anni fa – quando il piano fu coordinato dall’ex questore di Roma, Francesco Tagliente, esperto nella gestione delle manifestazioni sportive e “creatore” dell’Osservatorio del Viminale – le comitive avrebbero dovuto attraversare la città per raggiungere i parcheggi dedicati, mentre in passato erano state disposte scorte alle uscite dei caselli autostradali.
Il direttore generale del Napoli, Formisano, aveva partecipato a tre riunioni in Viminale prima della partita di sabato, poi c’era stato l’intervento di De Laurentiis, che aveva evidenziato possibili buchi nel piano sicurezza.

Il Mattino

Commenti
Segui il canale PianetAzzurro.it su WhatsApp, clicca qui