Napoli, un’altra occasione sprecata: torna la ‘sindrome delle piccole’

NAPOLI – Un copione già visto. Il Napoli è incappato nuovamente nella sindrome delle piccole, difetto ormai conclamato della gestione Benitez. Il 3-3 con il Cagliari è molto simile a quello con il Palermo di due mesi fa: agli azzurri non è bastato il doppio vantaggio per conquistare l’intera posta in palio. L’aggravante è non aver difeso il 3-2 dopo il colpo di testa di De Guzman consentendo a Farias di inchiodare la squadra alle proprie responsabilità. Sono emerse, infatti, le solite amnesie in fase difensiva che hanno spianato la strada ai rossoblù di Zeman. Il Napoli è ripiombato nel tunnel degli errori dopo tre gare senza subire reti: disattenzioni individuali  –  Rafael e Koulibaly su tutti  –  ma soprattutto una scarsa partecipazione alla fase passiva da parte degli attaccanti nella ripresa. “Non ho visto la giusta intensità”, ha spiegato un Rafa Benitez scuro in volto. “Non possiamo fare questi regali”, ha continuato lo spagnolo che non si dà pace per la mancata vittoria in un momento decisivo del campionato.

GUARDA LA SINTESI DI NAPOLI-CAGLIARI

Il Napoli doveva dare un segnale concreto a Juventus e Roma sfruttando un turno favorevole sulla carta: il gap dalla coppia di testa ora è aumentato e gli azzurri sono rimasti impantanati nella lotta per il terzo posto. La trasformazione rispetto alle prestazioni con Roma e Fiorentina è stata radicale. L’approccio mentale gioca sicuramente un ruolo decisivo. E’ mancata la concentrazione giusta per mettere alle corde l’avversario. Solo così si riesce a spiegare la metamorfosi di questo gruppo che inconsciamente sottovaluta le formazioni alla portata. “Evidentemente siamo calati sul 2-0. Pensavamo che la partita  fosse già finita”, ha attaccato Benitez. L’analisi è condivisa pure da Gokhan Inler. “Non possiamo sciupare tutte queste occasioni. Abbiamo gettato due punti al vento”.

L’allenatore spagnolo ha analizzato questi concetti stamattina al centro tecnico di Castel Volturno parlando al gruppo. La reazione contro lo Sparta Praga è quasi obbligatoria: in palio tra l’altro c’è la qualificazione con un turno d’anticipo. Al Napoli serve quantomeno un punto per essere sicuro dei sedicesimi per poi conquistare il primato nel girone contro lo Slovan Bratislava al San Paolo. Per questo motivo, il turnover non sarà massiccio. Rientreranno sicuramente Albiol e Jorginho, due assenze che ieri hanno pesato molto. Niente da fare, invece, per Dries Mertens: il belga è in dubbio pure per la trasferta di Genova con la Sampdoria.
 

serie A

ssc napoli
Protagonisti:
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 151 volte