Scontri Atletico-Depor: tifoso in terapia intensiva. Intanto LFP emana un comunicato

Madrid s’incupisce, per una vicenda che di futbol ha ben poco. Pochissimo, se non nulla. Scontri premeditati tra ultras di Atletico de Madrid e Deportivo la Coruna fuori dal Vicente Calderon. Un tifoso, gettato nel fiume Manzanares e colpito alla testa, in condizioni gravissime. Inizialmente fonti di Emergencias Madrid avevano dichiarato “morte clinica”, ora fonti sanitarie sostengono lo “stato grave, in terapia intensiva”. Attesi sviluppi, resta amarezza e dolore per un episodio che sembra avere contorni assai politici. “In questi momenti il personale sanitario sta praticando messaggi cardiaci e sta cercando di alzare la temperatura del giovane di 43 anni: fino a che non si arrivi a ciò, sarà difficile valutare tutte le lesioni” riporta As. Nel frattempo la polizia ha messo sotto osservazione più di 30 persone.

“La Liga de Fútbol Profesional mostra il suo sdegno nei confronti degli incidenti avvenuti domenica mattina intorno all’Estadio Vicente Calderón poco prima del match valido per la 13a giornata de la Liga BBVA tra Club Atlético de Madrid e el RC Deportivo de La Coruña. La LFP è stata ferma nella sua intenzione di sospendere la sfida fino a che è stato possibile. Dalle istituzioni si lavora insieme a Aficiones Unidas, il Cuerpo Nacional de Policía e tutti i club e la SAD per combattere violenza, razzismo, xenofobia e intolleranza nel calcio professionistico”. LFP e le due squadre d’accordo per fermare tutto. Ma per prodursi la sospensione del match, l’arbitro José Antonio Teixeira Vitienes avrebbe dovuto avere l’ok della RFEF(Real Federación Española de Fútbol): ciò non è avvenuto. Intanto Atletico-Depor è in gioco…

fonte: gianlucadimarzio.com

Commenti

Questo articolo è stato letto 471 volte