Lucariello: “Ora Benitez cosa farà? E’ importante capire le strategie per il futuro”

GIANFRANCO LUCARIELLO, giornalista, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i tempi proposti sul web da www.napolimagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, su Radio Punto Zero, con Michele Sibilla ed Antonio Petrazzuolo in conduzione. Ecco quanto ha affermato: “Sono ancora rammaricato e deluso come tanti tifosi che hanno assistito alla gara con l’Empoli. Il problema è che non riesci mai a spiegarti questo tipo di prestazione, voglio solo pensare che il pareggio con i toscani, sia stato il fondo del barile, perché mi riesce difficile immaginare un Napoli che giochi peggio. Ritengo sempre che questa squadra sia macchiata da due peccati originali: il mercato scadente e l’eliminazione dalla Champions, se poi, aggiungiamo l’incertezza di Benitez nel continuare o meno, allora, forse, abbiamo trovato la spiegazione. Ribadisco, Napoli non deve essere un parcheggio per nessuno. Se qualcosa non funziona, si deve avere il coraggio di dire in pubblico cos’è che non va, vogliamo sapere cosa farà Benitez dal prossimo 1° luglio e quali sono le strategie per il futuro. Gabbiadini è giovane, di prospettiva anche immediata, ma, nonostante sia un mancino, preferisce giocare a destra dove abbiamo Callejon e devo per forza, pensare male, ovvero con lo spagnolo che partirà a fine stagione. Il Napoli ha l’obbligo di scongiurare il pericolo di perdere la terza posizione e lo deve fare tirando fuori i propri valori, perché non è possibile vedere dei giocatori che sembrano diventati, all’improvviso, dei brocchi. Hamsik ha solo 27 anni e deve dare ancora tanto e non è possibile che sia quell’ombra che vaga per il campo al suo posto. Non credo proprio che si tratti della posizione in campo, anche se è inspiegabile la sua involuzione. Una cosa deve essere chiara: non bisogna mai mollare”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!