Sergio: “Il problema non sono gli arbitri, ma le regole poche chiare”

sergioRaffaele Sergio, ex calciatore di Napoli ed Udinese, è intervenuto a ClubNapoli su TeleclubItalia. Queste le dichiarazioni del doppio ex: “L’Udinese è una società molto organizzata, avanti nella mentalità e nel coraggio di fare. E’ una società all’avanguardia per quanto riguarda il calcio italiano. Il Napoli è invece il sogno di ogni ragazzo campano. Peccato non aver vissuto parentesi positive in azzurro, si veniva da una situazione societaria non facile, ma ho bellissimi ricordi. La partita di domenica è stata fondamentale per il cammino azzurro, la Lazio è una squadra molto forte e il Napoli ha superato uno scoglio consistente. Questo gli avrà dato coraggio per andare avanti, specie dopo l’amarezza della sconfitta con la Juve. Credo che il problema del calcio giovanile ci sia un po’ ovunque, non solo qui a Napoli. I club non hanno giocatori del posto e questo si rivela un gran problema, perché così continueremo a prendere giocatori stranieri. Non capisco la classe arbitrale, quando giocavo io interpretavano le cose in maniera più chiara. Credo che la cosa peggiore sia mettere in dubbio qualcosa, quando non ci sono regole è ovvio che ci siano malumori. Gli arbitri per questo sbagliano, non sono tanto aiutati. Il vero problema è la poca chiarezza del sistema”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 420 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!