Conte: “Napoli, il cambio di mentalità e l’importanza dei leader: la tattica di Rafa”

conte rRoberto Conte, capo ufficio stampa del Suor Orsola Benincasa, ha analizzato il momento del Napoli su “NapoliMagazine.Com”: “Tre vittorie nelle prime tre gare del girone di ritorno, sette vittorie, anche se una ai calci di rigore, su otto partite giocate nel 2015. Stavolta sono i numeri il miglior commento per lo stato di salute del Napoli che oltre ai numeri sembra aver trovato finalmente un assetto definitivo in cui funziona a meraviglia l’intercambiabilità dei ruoli soprattutto in attacco e sulla fascia sinistra di difesa ed in parte anche a centrocampo. Resta da colmare qualche amnesia in difesa, un reparto nel quale a gennaio un innesto importante avrebbe fatto decisamente comodo, e da iniziare a pensare già da subito ad un portiere di grande affidamento a cui poter affidare la porta azzurra per i prossimi cinque anni. Intanto con questa rosa, con questo tecnico (che sembra sempre sereno nonostante i dubbi sul suo futuro) e con il grande entusiasmo ritrovato dei tifosi si può andare fino in fondo sui tre diversi fronti come abbiamo sempre detto e auspicato. E viva Higuain quando dice che nemmeno del secondo posto bisogna accontentarsi finché la matematica concede degli spiragli. Perché é proprio mirando sempre all’obiettivo più alto che si costruisce la mentalità di una grande squadra che non può prescindere dai grandi leader. Ed é per questo che di leader me ne aspetto almeno altri 3 a giugno: uno a centrocampo, uno in difesa e uno tra i pali”.

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 524 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!