Bologna, un punto di penalizzazione per irregolarità Irpef

Il Bologna è “americano” dallo scorso ottobre quando è passato nelle mani di Joey Saputo e Joe Tacopina (Getty)

Il Tribunale federale nazionale ha penalizzato di 1 punto il Bologna per irregolarità Irpef, da scontarsi in questa stagione sportiva. Inibizione per tre mesi all’ex presidente Albano Guaraldi. Rossoblù ancora secondi in classifica a +1 dal Livorno, terzo
Il Tribunale Federale Nazionale ha inflitto 1 punto di penalizzazione al Bologna, da scontarsi nel campionato di Serie B 2014-2015, e ha inflitto un’inibizione di 3 mesi all’ex presidente Albano Guaraldi “per non aver depositato presso la  CO.VI.SO.C. entro il termine del 30 maggio 2014 la dichiarazione  attestante l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef relative agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e  collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilitα di gennaio, febbraio e marzo 2014”.
Classifica. Con la penalizzazione la squadra di Diego Lopez mantiene il secondo posto nella classifica di serie B (44) alle spalle del Carpi capolista (51 punti). Adesso il vantaggio sulla terza, il Livorno, è di una solo punto (43).
Nei guai anche Mantova, Reggina e Nocerina in Lega Pro. Per alcune irregolarità nei pagamenti, il TFN ha inoltre inflitto 2 punti di penalizzazione al Mantova (Girone A di Lega Pro) e 1 punto di penalizzazione alla Reggina (Girone C di Lega Pro). Sono stati inibiti per 3 mesi il presidente del Cda e l’amministratore delegato del Mantova, Michele Lodi e Federico Bosi, mentre l’amministratore unico della Reggina Giuseppe Ranieri è stato sanzionato con 2 mesi di inibizione. Il Tribunale Federale Nazionale ha sanzionato con un’inibizione di 3 anni e 6 mesi anche l’amministratore unico della Nocerina Giovanni Citarella per i fatti risalenti al derby con la Salernitana del 10 novembre 2013.

Fonte: SkySport

Commenti