Benitez: “Parlerò del mio futuro non prima della fine della stagione”

chievo-napoli BenitezIl Paris Saint Germain sarebbe sulle tracce di Rafael Benitez, in sostituzione di Laurent Blanc,la cui panchina è sempre più a rischio e molto dipenderà anche dall’esito degli ottavi di Champions che vedranno i parigini impegnati contro il Chelsea. La stampa francese ha voluto intervistare quindi l’allenatore spagnolo del Napoli, che a ‘Canal +’ ha parlato della sua squadra e non solo.

In Serie A l’organizzazione tattica è molto sviluppata – spiega Benitez – magari a qualcuno dall’esterno può dare fastidio ed è complicato anche da dentro. Quando lascerò il Napoli, che sia tra un anno o cinque, voglio che la squadra sia più matura, soprattutto a livello europeo, con una rosa adatta ad affrontare tutte le sfide che si presenteranno”.

Pur con l’assenza di trofei internazionali in bacheca, il tecnico spagnolo ha già lasciato il segno con la conquista di una Coppa Italia e di una Supercoppa Italiana: “Il mio obiettivo è trasmettere una precisa identità di gioco ai ragazzi, che poi possa essere magari anche discussa sul campo. Solo confrontandoci giorno per giorno possiamo maturare”.

Poi c’è l’elogio alla Juventus di Allegri, squadra dominatrice in Italia, con echi della ben nota tesi beniteziana su ‘fatturato più alto uguale squadra più competitiva’: “Il loro merito è rappresentato dall’avere la rosa più forte e completa del campionato, fattore che poi alla lunga paga e dà i suoi frutti. Nel match singolo invece, abbiamo dimostrato che si possono battere come fatto a Doha”.

La corsa per il secondo posto potrà essere avvincente: “Se manteniamo la nostra spinta attuale, abbiamo ottime chances di conquistarlo, molto dipenderà dal cammino della Roma: in caso di loro ulteriori passi falsi, noi ci saremo, pronti ad approfittarne”.

Più dubbi che certezze sul futuro del tecnico spagnolo: “Come ho già detto parlerò del mio futuro non prima della fine della stagione. Per ora voglio restare concentrato sul presente e sui prossimi impegni della squadra, con i giocatori e la dirigenza c’è un ottimo rapporto, c’è ancora tempo per discutere di queste tematiche”.

Goal.com

Commenti