Il Napoli in Europa fa paura: Higuain leader, Gabbiadini è il futuro

NAPOLI – Il bottino più prezioso è l’ipoteca sulla qualificazione agli ottavi di finale, che il Napoli ha già in tasca dopo la goleada nella gara d’andata con il Trabzonspor, spazzato via a domicilio con irrisoria facilità. Le quattro reti di scarto in trasferta hanno permesso agli azzurri di conquistare uno dei successi più rotondi della loro storia internazionale e a Benitez festeggiare la sua vittoria napoletana numero 50, tra campionato e Coppe. In Europa League, già conquistata dal tecnico spagnolo per due volte, tutti dovranno fare adesso i conti con Higuain e compagni, che sono tornati dalla Turchia con il morale alle stelle (musica e risate nella notte, durante il lungo volo verso casa) e ritrovata autostima: cancellando con 90′ pirotecnici il ko di Palermo e il pericolo di un contraccolpo psicologico, inevitabile in caso di un altro passo falso a Trebisonda.

È andata invece benissimo, perfino al di là delle aspettative di Benitez. “Le condizioni ambientali non era semplici, ma siamo stati bravi a mettere in discesa la partita con un ottimo primo tempo. Vedere la mia squadra concentrata e sfruttare gli errori avversari, è un bel segnale. Dobbiamo essere soddisfatti, insomma: anche se nella ripresa forse si poteva fare di più”, ha detto l’incontentabile tecnico spagnolo, con l’intento di tenere tutti sulla corda in vista del prossimo impegno di campionato. Lunedì arriverà il Sassuolo al San Paolo è il Napoli avrà dalla sua parte tre armi preziose: il ritrovato entusiasmo, i tifosi e tante energie in più, risparmiate in Turchia grazie al turn over. Maggio, Strinic, David Lopez, Callejon e Hamsik sono pronti al rientro, dopo aver tirato il fiato in Europa. “Chi ha giocato di meno, come Henrique, Inler e Ghoulam, è stato molto bravo a farsi trovare pronto e a dare il suo contributo alla squadra”. E preoccupa un po’ meno pure l’assenza per squalifica di Higuain, visto che Zapata è in gran forma e in Turchia si è fatto bastare pochi minuti per trovare il gol. Il Pipita potrà dunque concedersi un pit-stop in vista del successivo tour de force, su tre fronti. Ma intanto parla da leader. “Vincere l’Europa League sarebbe troppo importante, il nostro club non ha tanti trofei internazionali nella sua bacheca e un titolo è sempre positivo”, ha detto il bomber argentino, senza trascurare la caccia alla Roma. “Il secondo posto? Continuiamo così”.

Il Napoli vola e in Turchia sono stati tutti promossi. Ma in casa azzurra il giocatore del momento è sicuramente Gabbiadini: un gol è un assist anche in Europa League, dopo i suoi tre centri in campionato. “Era quello che volevo, continuare a segnare porta fiducia e entusiasmo. Nemmeno io mi aspettavo di entrare tanto velocemente nei meccanismi della squadra. Ho trovato un gruppo solido, mi sono presentato in punta di piedi e ora sto conseguendo ottimi risultati”, ha detto l’ex attaccante della Samp, felicissimo della sua nuova avventura azzurra. “È stata la scelta giusta, la migliore per me”. Lo pensano pure De Laurentiis e Benitez. “Manolo rappresenterà il futuro di questa società”. Intanto è già il presente.

serie A

ssc napoli
Protagonisti:
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 199 volte