Roma, Garcia: ”Frase scudetto? Era contro il pessimismo dell’ambiente”

ROMA – “Se a distanza di 4 mesi ridirei quella frase sullo scudetto? Vedo la vostra ostinazione a farmi questa domanda. Forse c’è una divinità misteriosa che ha voluto punirmi di questo peccato, se peccato ho commesso, di superbia. Ma se l’ho fatto è per lottare soprattutto contro un ambiente di pessimismo eccessivo, che diceva possiamo fare qualsiasi cosa e non vinceremo mai. E soprattutto, se questo peccato ho commesso, lo confesso, ma non era una cosa di uno stupido che non riflette e dice delle cose al volo”. Il tecnico della Roma, Rudi Garcia, torna con queste parole, nella conferenza pre Roma-Juventus, sulla frase pronunciata circa quattro mesi fa: “vinceremo lo scudetto”.

“Io penso che per mantenere la motivazione e l’ambizione al massimo era necessario fare questa cosa. Non ci fermiamo a questa stagione. L’obbiettivo è non solo vedere la Roma al centro del villaggio ma al centro dell’Italia e questo non si fa in pochi giorni. Il destino della Roma, lo ha ripetuto il presidente alcuni giorni fa, è di lottare per lo scudetto non solo quest’anno, dopo il bel secondo posto dello scorso anno, ma anche nel futuro”, ha proseguito il tecnico giallorosso. “E’ vero che quest’anno siamo stati colpiti duramente dalla sfortuna, penso ai giocatori che sono assenti e non era previsto così. Ma la nostra storia è fatta di errori, nessuno fa bene le cose. Ma la prossima volta che c’è qualcuno che mi farà questa domanda lo manderò al quel paese, perché il destino della Roma è di vincere o di lottare ogni anno per lo scudetto e speriamo un giorno in Europa. Noi dobbiamo solo ogni giorno mostrarci all’altezza di questo destino -ha messo in evidenza Garcia-. Io, quando ho fatto questa dichiarazione, ho voluto soprattutto ridare orgoglio a questa città e ai nostri tifosi, che di scudetti ne hanno vinti pochi, perché potessero essere consapevoli che nel futuro, speravamo quest’anno, ma sarà nel futuro, che la Roma sta costruendo un futuro dove lottare ogni anno per la Champions e speriamo per lo scudetto”.

Sulla sfida di lunedì sera con i bianconeri, Garcia dice: “Questa Juve è prima a +9 sulla seconda, è la squadra più forte del campionato, non c’è altro da dire. Non penso che  venga qui per pareggiare, cerca sempre di vincere e saremo in due a volerlo. C’è solo questa partita che conta, la vogliamo vincere ma non cambia nulla perché non abbiamo il nostro destino nei nostri piedi se non per il secondo posto – avverte – Bisogna fare di tutto per mantenere almeno questa seconda posizione che è l’unico modo per attaccare la prima. Siamo a -9, non possiamo fare altro che concentrarci su questa partita, anche se vinciamo non saremo in grando di dipendere solo da noi”.

serie A

as roma
Protagonisti:
Rudi Garcia
Fonte: Repubblica

Commenti