Marciano: “Napoli, il pareggio con l’ Inter difficile da digerire, ora occhio al Verona”

marcianoNUNZIA MARCIANO, giornalista, è intervenuta a “NAPOLI MAGAZINE“, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “La notizia dell’assenza di Gabbiadini non è il modo migliore per approcciare la gara con la Dinamo Mosca, immagino a questo punto, che ci sarà ancora spazio per Callejon. Per il resto credo che Benitez darà spazio a Rafael in porta, Mesto e Ghoulam sulle fasce, con Albiol ed Henrique centrali, a metà campo Inler e Jorginho e, insieme a Callejon, Hamsik e Mertens, con un ballottaggio fino all’ultimo minuto tra Higuain e Zapata come punta centrale. Purtroppo, dopo la partita con l’Inter fa paura pensare ad un altro calo come quello che si è verificato con i nerazzurri. Il fatto che gli avversari di Europa League abbiano ripreso la stagione da pochissimi giorni può essere un vantaggio per il Napoli, perché probabilmente, non avranno ripreso il ritmo gara, ma può esserlo anche per loro che sicuramente saranno più freschi. Il pareggio con l’Inter è una delusione ancora da digerire e forse, una delle più amare della stagione. È stato quasi catastrofico il finale di gara non tanto perché l’Inter non avesse le possibilità di recupero, ma perché, ancora una volta, è stato il Napoli a fare e disfare tutto. A tutto questo dobbiamo aggiungere l’ennesima occasione mancata per avvicinare la Roma con la Lazio, che invece, ha raggiunto gli azzurri. La squadra di Pioli è avversario molto temibile e quindi, pur non trascurando la rincorda al secondo posto, meglio per ora, difendere la terza posizione. È giusto pensare e concentrarsi solo sulla Dinamo Mosca, ma la trasferta di Verona non è per niente facile. Non dimentichiamo quanti punti hanno perso gli azzurri contro le cosiddette piccole”.

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!