Attenta Roma, la “pareggite” non porta allo scudetto

La Roma ha collezionato 8 pareggi nelle ultime nove partite, 11 nelle prime 26 gare della stagione 2014-2015 (Foto Getty)

Se ti ammali di “pareggite” lo scudetto diventa tabù. O quasi. Almeno dal 2004-2005, da quando la Serie A ha 20 squadre e tre punti per vittoria. La Roma, reduce da otto “X” nelle ultime nove partite, gioca all’Olimpico il posticipo contro la Sampdoria (12 pari, meno solo dell’Empoli in A) per mantenere le distanze (11 punti) dalla Juventus capolista e per continuare a sperare nel titolo. Uno scudetto che è arrivato solo una volta, con la Juventus nel 2012 se una squadra di vertice, come i giallorossi di Rudi Garcia, hanno pareggiato 11 o più volte nelle prime 26 giornate (GUARDA L’INFOGRAFICA SUL TUO SMARTPHONE).
MazzarInter, 11 pareggi e 5° posto – Più o meno dodici mesi fa i nerazzurri di Walter Mazzarri che avevano impattato undici volte nelle prime 26 giornate di campionato occupavano il quinto posto in classifica, dietro a Juventus, Roma, Napoli e Fiorentina. E a fine campionato l’Inter stava allo stesso posto, con un punto in più di distacco rispetto alla Fiorentina con cinque vittorie, quattro pareggi e tre sconfitte nelle ultime 12 partite giornate.

Un rendimento peggiore di quello dell’Inter 2004-2005 targata Mancini con i nerazzurri, 16 “X” nelle prime 26 partite e quarto posto in classifica, furono terzi a fine campionato con due pari in più ma 30 punti in 12 match, come la Juventus campione d’Italia, a cui il titolo fu revocato per le vicende di Calciopoli.

Napoli 2009, tanti pari e sesto posto – Nell’anno in cui Mazzarri subentrò a Donadoni i campani dopo 26 partite di campionato occupavano nonostante gli 11 pareggi la sesta posizione a pari merito con la Juventus e a -2 dal quarto posto, allora ultimo utile per la Champions occupato dalla Sampdoria.

A fine anno il Napoli si classificò sempre nella stessa posizione ma perse 8 punti da chi gli stava davanti con 5 vittorie, tre pareggi e quattro sconfitte. Nella stessa stagione la Lazio che lottava per non retrocedere dopo 11 pari in 26 giornate passò grazie al rush finale dal 16° posto al 12° a più 11 dalla salvezza (GUARDA L’INFOGRAFICA SUL TUO SMARTPHONE).

La Juve di Conte, l’eccezione – L’unica squadra che con i 3 punti e 38 giornate ha conquistato il titolo con così tanti pareggi in 26 partite rimane la Juve dell’attuale ct. Che nella sua stagione d’esordio di “X” ne aveva messe insieme addirittura 13 ma che complice il rendimento altalenante di chi stava davanti il Milan (4 sconfitte contro le zero die bianconeri) a quel punto del campionato era secondo ma staccato solo di due punti dalla vetta. E nelle ultime 12 giornate la Juventus piazzò un filotto di 10 vittorie e due pareggi e finì campione d’Italia con più 4 sulle inseguitrici.

Il pari salva (non sempre) – Dal 2004-2005 anche molte squadre di media-bassa classifica hanno fatto “collezione” di X. Spesso a fine stagione è arrivata una salvezza più o meno tranquilla, come per esempio il Torino da 16 pareggi della 2007-2008 o all’Atalanta 2011-2012 in altre occasioni il pari non ha portato bene come al Palermo 2012-2013 che dopo 11 “X” terminò penultimo o al Messina 2006-2007 che retrocesse per poi non tornare più in A.

Fonte: SkySport

Commenti