Lazio, Pioli: ”Grande prova di maturità”

TORINO – “Grande prova di maturità contro un avversario ostico, abbiamo avuto grande lucidità, concesso poco e siamo stati capaci di colpire nel momento giusto”. Lo dice Stefano Pioli ai microfoni di Sky Sport commentando la vittoria della sua Lazio a Torino per 2-0.

“MEGLIO NEL SECONDO TEMPO” – Il tecnico biancoceleste ha poi spiegato come è arrivata questa vittoria: “Volevamo cercare di gestire palla ma con la voglia di guardare avanti. Felipe Anderson aveva grande libertà di movimento, poteva svariare. Nel primo tempo non mi è piaciuto ma invece nel secondo tempo ha fatto molto bene”. Pioli ha poi spiegato: “Nel primo tempo siamo andati molte volte in profondità ma non abbiamo avuto la precisione per concludere. Queste partite sono molto equilibrate e possono essere i singoli a risolvere queste partite”.

“FELIPE CRESCERA’ ANCORA” – Incalzato con una battuta su un possibile scambio Neymar-Felipe Anderson, Pioli ha poi aggiunto: “Non sono la persona giusta a cui chiedere queste cose. Abbiamo un presidente e un direttore. Credo che Felipe possa essere ancora più concreto e credo che gli possa servire un percorso di crescita qui nella Lazio”. Un appunto a Felipe Anderson, però, è che è ancora un po’ troppo lezioso: “Credo che faccia parte di un percorso di maturazione. Ricordo benissimo Cristiano Ronaldo. Non dico che sia come lui, ma una certa maturazione ha consentito a Ronaldo di capire come si gioca a calcio e credo che Felipe lo stia facendo molto bene. Con questa umiltà credo che possa ancora crescere tanto e diventare un giocatore quasi imprendibile per gli avversari”.

“QUALITA’ E UMILTA’” – La Lazio naviga a vele spiegate verso il terzo posto, ma Pioli tiene ancora un profilo basso: “Dovremo costruire qualcosa, dare una mentalità e uno spirito a questa squadra – conclude -. I risultati positivi ti fanno accrescere la consapevolezza. Questa è una squadra con una certa qualità e una giusta umiltà. Ora proviamo a chiudere bene domenica contro il Verona prima della sosta”.

ANDERSON: “CI CREDIAMO DALL’INIZIO AL TERZO POSTO” – “Noi ci credevamo dall’inizio”. Lo ha detto Felipe Anderson ai microfoni di Sky Sport in riferimento al terzo posto conquistato stasera dalla sua Lazio. “A inizio campionato abbiamo fatto un po’ male, non riuscivamo a vincere, pero’ abbiamo continuato con il nostro gioco, ci abbiamo sempre creduto e ora vogliamo arrivare ancora piu’ in alto”, ha aggiunto. Dopo il primo gol stava per uscire: “Oggi il campo era pesante, avevamo corso tanto nel secondo tempo, dopo il gol ero un po’ stanco e avevo i crampi. Sono stato fortunato a non uscire”. Con lui in campo la Lazio non perde mai, ma Felipe Anderson si prende pochi meriti: “E’ merito dello spirito della squadra, dobbiamo continuare su questa strada”. Il ct brasiliano Dunga oggi ha diramato le convocazioni per le prossime gara dei verdeoro. Felipe Anderson al momento non c’e’, ma attende fiducioso: “Sono tranquillo, ogni giocatore vuole andare in nazionale, pero’ aspetto con pazienza e resto concentrato per fare bene con la Lazio”, ha concluso.

ss lazio

serie A
Protagonisti:
Stefano Pioli
felipe anderson
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 175 volte