Empoli-Sassuolo 3-1: Saponara trascina i toscani, emiliani ko

EMPOLI – Operazione sorpasso compiuta. L’organizzazione di gioco dell’Empoli di Sarri ha la meglio su quella del Sassuolo di Di Francesco. I toscani si impongono al Castellani per 3-1 superando in classifica proprio i neroverdi e conquistando l’ottavo risultato utile consecutivo, fatto mai accaduto in Serie A. Salvezza ora praticamente certa per gli azzurri che aspettano il secondo tempo per colpire e affondare gli emiliani. Assoluto protagonista Saponara, autore di due reti e un assist.

MOLTA TATTICA – Sarri schiera un 4-3-1-2 con Saponara dietro le punte che sono Maccarone e Pucciarelli, preferito a Tavano. Centrocampo affidato a Croce, Valdifiori (fresco di convocazione azzurra) e Vecino. Barba prende il posto in difesa dell’acciaccato Tonelli. Di Francesco risponde col classico 4-3-3 con Berardi, Zaza e Sansone in attacco. Confermato Peluso come centrale di difesa accanto ad Acerbi. In campo domina soprattutto la tattica con tanto pressing e ritmi tirati che impediscono uno sviluppo fluido del gioco. Pochi spunti offensivi come un tiro sul fondo di Missiroli dopo un inserimento in area toscana e un colpo di testa out di Barba dopo un angolo azzurro. Ci prova anche Valdifiori dal limite ma senza fortuna.

Empoli-Sassuolo 3-1: Saponara trascina i toscani, emiliani ko

L’esultanza di Saponara dopo il primo gol

PORTIERI SUGLI SCUDI – Poi la partita si accende improvvisamente, le squadre si allungano quel poco da permettere di vivere finalmente qualche emozione. Al 27’ punizione tesa di Berardi, colpo di testa all’indietro di Croce che rischia l’autogol ma Sepe in tuffo devia in angolo con una grandissima parata. Un minuto dopo non è da meno Consigli: Pucciarelli salta Peluso al limite, penetra in area e conclude solo davanti al portiere, ma l’ex atalantino salva col piede. Al 35’ ancora bravo Consigli: assist dal fondo sinistro di Croce e destro di prima di Saponara che l’estremo difensore neroverde neutralizza. Il tempo si chiude con un intervento brusco di Mario Rui su Berardi, non punito da Tommasi, ma pericolosamente sulla linea del limite dell’area di rigore. Tanti dubbi.

BOTTA E RISPOSTA – Il secondo tempo si accende subito e al 1’ Saponara supera Magnanelli sulla trequarti, avanza e conclude con un sinistro diagonale che non dà scampo a Consigli. Al 4’ però il Sassuolo pareggia: traversone dalla destra di Berardi e Rugani in area svirgola la palla e batte Sepe. Tutto come prima, pareggio e partita aperta.

GOL-LAMPO DI MCHEDLIDZE – Ci pensa Sarri a rompere di nuovo l’equilibrio quando al 13’ fa entrare Mchedlidze al posto di uno spento Maccarone. Passano 13 secondi e la difesa ospite si fa sorprendere da una rimessa laterale di Vecino che smarca in area Saponara: l’ex milanista va sul fondo e poi assiste al centro dell’area piccola proprio Mchedlidze per il quale è un gioco da ragazzi segnare un gol lampo che vale il 2-1.

SAPONARA CHIUDE I CONTI – Il Sassuolo stavolta accusa il colpo e un minuto dopo il gol di Mchedlidze arriva il 3-1: grande assist verticale dal limite di Croce, anche oggi tra i migliori, e sinistro di prima di Saponara che batte ancora Consigli. Si conclude in gloria la domenica di Saponara, finalmente protagonista nella sua Empoli dopo la deludente parentesi al Milan. Sarri lo cambia al 26’ con Zielinski, concedendogli una meritata standing ovation. E il Sassuolo? Tramortito dal passivo di due reti, ha come unica chance un diagonale di Zaza che Sepe neutralizza. Ininfluenti i cambi di Di Francesco che prova le carte Floccari e Floro Flores, ma senza esiti positivi. L’Empoli controlla il vantaggio e vince meritatamente la partita.

Empoli-Sassuolo 3-1 (0-0)
Empoli (4-3-1-2):
Sepe 6,5; Hysaj 6,5, Rugani 5,5, Barba 7, Mario Rui 6; Croce 7 (39′ st Signorelli sv) , Valdifiori 6,5, Vecino 6; Saponara 7,5 (25′ st Zielinski 6); Maccarone 5,5 (13′ st Mchedlidze 6,5), Pucciarelli 6.5. In panchina: Pugliesi, Bassi, Somma, Brillante, Gemignani, Laurini, Diousse, Tavano, Verdi. Allenatore: Sarri 7.
Sassuolo (4-3-3): Consigli 6,5; Gazzola 5,5, Acerbi 5,5, Peluso 5, Longhi 5 (39′ st Lazarevic sv); Taider 5,5, Magnanelli 5 (25′ st Floccari 5,5), Missiroli 5,5; Berardi 6, Zaza 5, Sansone 5 (30′ st Floro Flores sv). In panchina: Polito, Pomini, Bianco, Natali, Donis, Brighi, Fontanesi, Biondini, Benucci. Allenatore: Di Francesco 5.
Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa.
Reti: 1′ st Saponara, 4′ st autogol Rugani, 14′ st Mchedlidze, 15′ st Saponara.
Ammoniti: Acerbi, Manganelli.
Angoli: 10-4 per l’Empoli.
Recupero: 2′; 3′.

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 244 volte