Milan, Menez: “Dispiace per risultati”. Mexes “Futuro? Parla il campo”

MILANO – Allenamento di scarico per il Milan, dopo l’amichevole disputata contro la Reggiana, terminata 3-0 per i rossoneri. Inzaghi e i suoi ragazzi ora dovranno preparare la prossima partita di campionato contro il Palermo, fissata per il sabato prima di Pasqua. Nonostante i cinque nazionali assenti, il tecnico rossonero sta lavorando molto soprattutto sul modulo 4-3-3, ormai scelto come schieramento tipo in questo finale di stagione. I rossoneri si alleneranno fino a sabato, prima di osservare un giorno di riposo.

Protagonisti della giornata, dal punto di vista mediatico, Menez e Mexes, intervenuti in una chat con i tifosi, che hanno potuto interagire con i due giocatori francesi. L’attaccante, andato a segno anche al Mapei Stadium, è tornato a parlare della sua scelta italiana, che sta portando al club tanti gol (15 in campionato), anche se i risultati sono piuttosto negativi. Aspetto da lui stesso non trascurato: “Io sono molto contento di essere qui al Milan e mi alleno ogni giorno per essere al 100% sul campo. Purtroppo i risultati non vanno benissimo e quello per me è una delusione, ma io cerco di dare il massimo per aiutare la mia squadra”. Molti tifosi si chiedono il motivo di tale exploit, lui cerca di darsi una risposta: “L’anno scorso ho fatto l’operazione e ho giocato poco, quindi quest’anno ho dato il massimo. Sono più maturo e si vede anche sul campo”.

Anche il difensore ha risposto alle domande dei tifosi, presenti nonostante il temperamento fumantino. Mexes a giugno vedrà scadere il proprio contratto: “Ho avuto una carriera più o meno stabile, senza cambiare troppe volte squadre. Sono sempre stato onesto e ho rispettato i miei contratti cercando di far vedere in campo quello che la gente pensava di me”. Mexes ha sempre avuto il vizio del gol e contro il Cagliari ha messo a segno una rete, anche se da buon difensore, si preoccupa sempre di non subirne: “Avrei preferito non prendere il gol contro il Cagliari e non farlo a questo punto. Ma è sempre un piacere fare gol ed esprimere la gioia, dato che non ho la possibilità di farlo sempre”. Cercherà altri gol anche in questo finale di stagione, prima di pensare al mercato e al suo futuro. Mexes non nasconde le sue giovani aspirazioni professionali: “Il mio sogno era fare il calciatore o il vigile del fuoco”. Un po’ d’acqua sul suo carattere acceso non farebbe male…

serie A

milan ac
Protagonisti:
philippe mexes
jeremy menez
Fonte: Repubblica

Commenti