Lazio, Pioli: ”Non è cambiato nulla, ora torniamo a vincere”

ROMA – Troppo poco un punto nelle ultime due partite, così come il solo gol realizzato. La Lazio di Pioli ha abituato a ben altro e il tecnico biancoceleste vuole ritrovare prestazione e risultato nella partita con il Parma: “Il pari con il Chievo non ha cambiato le nostre certezze. È stata una partita in cui abbiamo fatto una buona prestazione, ma purtroppo non siamo riusciti a chiudere senza subire gol. Dobbiamo trarre indicazioni, ma siamo pronti a ripartire”. E dipenderà tutto dalla Lazio: “Abbiamo sempre ragionato così, facciamo la corsa su noi stessi e ci prepariamo bene durante la settimana. Siamo consapevoli di poter condizionare le prestazioni con il lavoro e la qualità”.

PIOLI: “KLOSE STA BENE, POSSIBILITÀ PURE PER PAROLO” – In dubbio Mauri e Klose, con il tedesco che sembra più vicino al recupero rispetto al capitano: “Ieri Miro stava bene, credo che anche oggi si allenerà. Di certo schiererò la miglior formazione possibile”. Qualche possibilità, a sorpresa, pure per Parolo: “Si è allenato, vediamo come risponderà. Potrebbero farcela, ma aspettiamo di vederlo nelle ultime sedute”. Sarebbe un recupero importante per la corsa verso la Champions di Pioli, con il suo Parma come primo ostacolo di una lunga serie: “Osservo con tristezza la loro situazione, è difficile capire perché il club abbia fatto questa fine. Vorrei ribadire tutta la mia stima a Donadoni e al suo staff per la dignità dimostrata. Il Parma è una squadra che mi sta a cuore, spero possa finire nel miglior modo possibile”.

“I PROSSIMI SCONTRI DIRETTI SONO UN’OPPORTUNITÀ” – Ma a partire dalla partita successiva, perché la Lazio ha bisogno di punti per l’Europa che conta, in attesa poi degli scontri diretti. Che Pioli non teme affatto: “Li vedo come un’opportunità. Voi parlate spesso di calendari facili e difficili, ma non esistono partite facili, né impossibili. Lo abbiamo dimostrato noi, lo hanno fatto anche le altre squadre visto che la Juve ha perso con il Parma, la Fiorentina con il Cagliari, e così via. E comunque il calendario all’andata ci ha visto ottenere risultati positivi in questa striscia di scontri diretti. Ma è presto per pensarci, guardiamo solo alla partita successiva. Servirà una grande prestazione”

“PER VINCERE SERVE UNA LAZIO BELLA E CATTIVA” – Quando gli viene chiesto se preferisca più una Lazio bella o una cattiva, Pioli risponde così: “Se mettiamo insieme le due cose ci avviciniamo molto alla possibilità di vincere la partita. Ogni pallone può essere quello decisivo, dovremo essere determinati”. Pioli non teme che la Lazio a poche partite dalla fine possa avere il cosiddetto “braccino corto” come è accaduto nelle stagioni passate: “Ci stiamo preparando con grande generosità, concentrazione e serenità, pensando sempre a noi stessi e al percorso che stiamo portando avanti. Siamo cresciuti, non ci interessa quello che è successo negli anni passati. Questo è un altro campionato e un’altra squadra: il 31 maggio tireremo le somme”.

serie A

ss lazio
Protagonisti:
Stefano Pioli
Fonte: Repubblica

Commenti