Magoni: “Il mio voto alla stagione del Napoli finora è di poco superiore alla sufficienza”

magoniOSCAR MAGONI, ex centrocampista del Napoli, allenatore, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Al campionato del Napoli darei un 6.5 perché ha dimostrato di avere grande mentalità con le grandi e piccola con le piccole. La partita di Parma è l’ennesima conferma che questa squadra ha grandi problemi di personalità. Sicuramente la delusione maggiore è la Roma, mentre la Lazio merita un buon voto, anche se, paradossalmente, rischia più di tutte di perdere la Champions sul filo di lana. Il tallone d’Achille degli azzurri resta la difesa e nel campionato italiano, tocca ripeterlo, non si fa molta strada se si subiscono troppi gol. Dare giudizi su quanto accaduto a fine gara, al Tardini, è difficile perché non si capisce bene cosa è accaduto. Di sicuro ogni partita andrebbe giocata con il massimo agonismo ed il massimo impegno, in fin dei conti, il Parma ha fatto risultato anche con altre squadre importanti. Piuttosto, mi sarei aspettato un approccio diverso da parte del Napoli che, ancora una volta, ha regalato il primo tempo agli avversari. Non credano i giocatori del Napoli che a Torino troveranno una squadra appagata e soddisfatta, la Juventus non si sazia mai ed è questo il loro segreto. Il Napoli deve fare bottino pieno e poi tirare le somme alla fine. L’Europa League può mettere e togliere tanto agli azzurri, ne riparlerei dopo Kiev. Il Napoli deve giocare come se stesse giocando al San Paolo, con la consapevolezza di essere più forti e con la speranza di avere una sestina arbitrale all’altezza. Sono comunque abbastanza fiducioso”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 447 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!