Lucariello: “Aspettiamo a dare per certo l’arrivo di Mihajlovic, non mi sorprenderebbe un piano B”

lucarielloGIANFRANCO LUCARIELLO, giornalista, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Non credo che il Napoli sia direttamente fortunato ma lo è di riflesso. Chi è sicuramente assistito dalla Dea bendata è sicuramente don Aurelio perché, oramai, non ci speravo più dopo la sconfitta di Torino. In fondo, la Lazio aveva tutte le carte in regola per chiudere i giochi ed invece, dobbiamo ringraziare la Roma. Ora sotterriamo l’ascia di guerra e remiamo tutti insieme nella stessa direzione per conquistare il terzo posto. Non credo che i tifosi del Napoli e mi ci metto pure io, abbiano tifosi per la squadra di Garcia ma di certo tutti abbiamo sperato nella vittoria di Totti e compagnia. Chi pensava, erroneamente e superficialmente, al biscotto, è servito. Non mi piace la parola fallimentare perché gli azzurri se vogliono ringraziare e ricambiare della fiducia ricevuta dai tifosi devono vincere e basta con la Lazio. Spero che i giocatori indossino la maglia azzurra, anzi, tutta la tifoseria partenopea deve chiederlo. Aspettiamo a dare per certo l’arrivo di Mihajlovic, non sarei sorpreso se il presidente De Laurentiis avesse previsto anche un piano B o A, con un allenatore diverso dal serbo se la squadra dovesse qualificarsi in Champions”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!