Casale: “Pesaola è stato un uomo di grandissimo spessore, il mio ricordo”

Bruno_PesaolaPASQUALE CASALE, ex centrocampista del Napoli, allenatore, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE“, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “La storia del Napoli perde un vero e grande personaggio. Bruno Pesaola è stato un grande calciatore, un grande allenatore, ma soprattutto una persona di raro spessore umano. La sua capacità di sdrammatizzare e, nello stesso tempo, di motivare tutti, credo debbano essere ancora un esempio. Ricorderò sempre la famosa storia di Bruscolotti e Resembrink, di come seppe caricare il capitano contro un giocatore fortissimo. Ho un solo rammarico, non essere stato allenato da lui. Secondo me ha fatto bene Benitez a salutare tutti prima della fine del campionato, in particolare, alla vigilia della partita che vale una stagione. Involontariamente, forse, ha anche spostato l’attenzione su di sé, lasciando più libera la squadra dalle pressioni che sicuramente ci saranno sul campo, nella gara contro la Lazio. Ovviamente, conterà molto la volontà di fare risultato e speriamo che l’addìo di Benitez tolga alibi alla squadra. Mertens e Gabbiadini li terrei inizialmente in panchina proprio per le difficoltà della gara e per la capacità che hanno di entrare subito in gara. Callejon credo che giocherà per il gran lavoro che fa in ogni partita. Io comunque schiererei una squadra molto offensiva perché il Napoli deve solo vincere per centrare i preliminari di Champions, quindi, arretrerei Hamsik in mediana, con Higuain e tre mezze punte. Chiaramente con questo schieramento preferirei Strinic a sinistra al posto di Ghoulam che ha più difficoltà in fase di copertura”.

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!