Roma, ecco Szczesny: ”De Sanctis già un amico ma sarà forte concorrenza”

ROMA – “E’ stata una decisione molto semplice perché la Roma è una grande squadra, gioca la Champions League, è una bellissima esperienza che credo ogni giocatore abbia voglia di vivere. E’ un orgoglio per me”. Si presenta così in conferenza stampa Wojciech Szczesny, nuovo portiere polacco della Roma preso in prestito dall’Arsenal e che ha scelto la maglia numero 25. Sarà lui a insidiare il posto tra i pali di Morgan De Sanctis.

“CON DE SANCTIS FORTE CONCORRENZA” – Introdotto dal Ceo Italo Zanzi che di lui ha detto: “E’ un vincente e siamo molto felici di avere due portieri fortissimi come lui e De Sanctis”, Szczesny ha spiegato: “Comunico molto con i compagni, devo imparare al più presto l’italiano. Spero di costruire un legame molto saldo con i miei compagni. Ho parlato con De Sanctis, che conosce molto bene l’inglese e per questo mi aiuta a imparare le parole del calcio, è una persona molto amichevole e soprattutto un grandissimo portiere. Mi aspetto una fortissima concorrenza da cui mi auguro potremo beneficiare entrambi. Al Barcellona l’anno scorso l’alternanza Bravo-Ter Stegen ha funzionato, adesso però spetta solo al mister decidere”.

GIOVANE MA ESPERTO – Pronto a giocarsi il posto con De Sanctis, Szczesny assicura che ha scelto il giallorosso “per imparare, aiutare la squadra e ovviamente per vincere. Il futuro? Non so, è prematuro parlarne ora”. Ha soltanto 25 anni ma “ho tantissima esperienza, spero di metterla al servizio della squadra per aiutarla”.

“MI ASPETTO BUON RAPPORTO CON TIFOSI” – Szczesny è convinto che presto si creerà un legame solido con i tifosi giallorossi: “Sono molto appassionato di calcio e da quello che ho visto qui i tifosi sono molto caldi, mi aspetto un bel rapporto con loro. Mi piace festeggiare molto quando si vince e mi arrabbio molto quando perdiamo. Di certo non vorrò andare oltre ma – conclude il polacco – i tifosi amano i calciatori che vogliono vincere”.

as roma

serie A
Protagonisti:
wojciech szczesny

Fonte: Repubblica

Commenti