Carpi-Napoli 0-0: passo indietro degli azzurri, reti inviolate al Braglia

MODENA – Dopo la doppia scorpacciata di gol con Bruges e Lazio, il Napoli torna sulla terra al Braglia di Modena, dove gli uomini di Sarri non riescono a sfondare il fortino del Carpi. Porta a casa un prezioso punto la squadra di Castori, brava sì a chiudersi ma anche a distendersi quando i partenopei l’hanno consentito (e chissà che partita sarebbe stata se ci fosse stato Borriello dall’inizio invece del fumoso Mbakogu). È sicuramente un passo indietro per gli ospiti, che dovranno imparare ad incidere anche quando troveranno di fronte altre compagini che, come il Carpi quest’oggi, si chiuderanno a riccio.

CASTORI E SARRI VANNO SUL SICURO – Poco turnover per i due tecnici, in questo primo turno infrasettimanale di campionato. Castori inserisce il solo Mbakogu al posto di Borriello, lasciando per dieci undicesimi la formazione che aveva ben figurato contro la Fiorentina. Due, invece, le sostituzioni di Sarri, che concede una prova d’appello a Valdifiori (e un turno di riposo a Jorginho, verosimilmente titolare sabato contro la Juventus) e dà spazio a Mertens al posto di Callejon.

POCO LAVORO PER I PORTIERI – Già dai primi minuti, il Napoli si trova a sbattere con la grande densità di un Carpi che mette tanti uomini dietro alla linea del pallone, coprendo bene tutto il fronte difensivo. Mertens, Insigne e Higuain si trovano a memoria ma faticano terribilmente ad entrare in area (nel primo tempo, solo nel finale ci riescono Higuain, sfiorando il gol, e Mertens), ma il Pipita si rende pericoloso anche da fuori, con un destro al volo su assist di Insigne che, fosse stato più basso di un metro, si sarebbe tramutato in un gol-capolavoro. Il Carpi, dal canto suo, agisce di rimessa e si distende bene soprattutto con Matos, ma i cross dell’ex viola vengono puntualmente sprecati da Mbakogu. Brutta tegola per Castori è l’infortunio muscolare occorso a Benussi, che lo costringe a spendere un cambio prima della mezz’ora: entra Brkic, che non fa rimpiangere il collega (entrambi,
va detto, non hanno dovuto compiere miracoli).

GABBIADINI FALLISCE L’OCCASIONE PIÙ NITIDA – Più vivace la ripresa, quando i cambi e il comprensibile calo fisico degli interpreti aumentano gli spazi. Ciò nonostante, la stragrande maggioranza delle conclusioni, su ambo i fronti, parte dalla lunga distanza e termina fuori dallo specchio della porta. Insigne è il più determinato, ma va vicino al gol anche un altro napoletano, che però indossa la maglia biancorossa, ossia Gaetano Letizia (il migliore dei suoi al pari di Matos). Nel finale le emozioni più intense, dopo un’interruzione di tre minuti per l’improvvisa attivazione dell’impianto d’irrigazione a bordocampo: prima Gabbiadini divora l’occasione da tre punti, sparando a lato sull’uscita di Brkic, poi è l’altro subentrato Callejon a insaccare in pieno recupero ma anche in posizione irregolare.

ZACCARDO MANCA IL COLPACCIO – Allo scadere, Zaccardo avrebbe il pallone per il colpo gobbo ma sparacchia fuori e Rocchi fischia tre volte, decretando la fine. È il secondo punto ottenuto dai biancorossi, il primo tra le mura amiche, ed è il giusto tributo ad una squadra che si è approcciata alla Serie A con umiltà e idee chiare. Masticano amaro gli azzurri, che dovranno trarre insegnamento da questa trasferta; d’altro canto, Sarri può incassare la terza partita di fila senza gol al passivo e, viste le indecisioni delle prime settimane, è già un risultato importante. Contro la Juve, a sua volta di malumore per il pari interno col Frosinone, servirà ben altro.
 
CARPI-NAPOLI 0-0
CARPI (5-3-2) Benussi 6 (28′ p.t. Brkic 6,5); Letizia 6,5, Zaccardo 6, Romagnoli 6, Bubnjic 6,5, Gabriel Silva 6; Lollo 6, Cofie 6, Fedele 6; Mbakogu 5 (23′ s.t. Borriello 6,5), Matos 6,5 (43′ s.t. Lasagna s.v.) (2 Wallace, 6 Gagliolo, 3 Letizia, 8 Bianco, 94 Iniguez, 11 Di Gaudio, 10 Lazzari, 29 Martinho, 19 Pasciuti, 14 Gino) All. Castori
NAPOLI (4-3-3). Reina 6; Hysaj 6, Albiol 6, Koulibaly 6,5, Ghoulam 6; Allan 6, Valdifiori 5,5 (15′ s.t. Jorginho 6), Hamsik 6,5 (39′ s.t. Callejon s.v.); Mertens 5,5 (23′ s.t. Gabbiadini 5), Higuain 6, Insigne 6 (1 Rafael, 22 Gabriel, 3 Strinic, 4 Henrique, 11 Maggio, 19 Lopez, 21 Chiriches, 77 El Kaddouri, 94, Chalobah) All.: Sarri
ARBITRO: Rocchi
ANGOLI: 4-5
RECUPERO: 2′ e 6′
AMMONITI: Valdifiori, Romagnoli, Zaccardo, Mertens, Hamsik, Cofie, Koulibaly per gioco scorretto.

Fonte: Repubblica

Commenti