Carpi-Bologna 1-2: Masina in extremis salva Delio Rossi

MODENA – Senza incantare, nonostante oltre metà partita giocata in superiorità numerica, il Bologna torna ad assaporare il dolce gusto della vittoria, che mancava ai rossoblù da oltre un mese, ossia dal successo interno sul Frosinone. Deve fare mea culpa il Carpi, passato meritatamente in vantaggio con Letizia poco oltre il primo quarto di gara; i biancorossi, infatti, si complicano la vita con il doppio giallo che chiude anzitempo la partita di Lorenzo Lollo. Giocoforza, la ripresa diventa un monologo rossoblù: l’assedio alla porta di Belec si concretizza in apertura e in chiusura di tempo, grazie a Gastaldello prima e a Masina poi, a poco più di un minuto dal triplice fischio.

DESTRO ANCORA TITOLARE – Sannino sceglie di non rischiare il suo 4-3-3, rimanendo fedele al 3-5-2 di Castori, con Borriello e Matos davanti. Dopo il ko interno col Palermo, invece, Rossi cambia mezza difesa: dentro Oikonomou in mezzo e Krafth a destra; davanti rientra Giaccherini, che giocherà tutti i novanta minuti creando diversi grattacapi alla difesa carpigiana ma anche sprecando tanto, soprattutto sui tiri da fermo. Confermata la fiducia, invece, a Mattia Destro, ancora a secco dal suo arrivo in rossoblù.

LETIZIA SBLOCCA, LOLLO ROVINA TUTTO – La partita appare subito molto sentita, tanti gli errori in fase di palleggio su ambo i fronti, anche se il Carpi è più organizzato e continuo nella sua azione. Il Bologna, invece, si affida alle fiammate, ma non sarà pericoloso fino a poco prima dell’intervallo, con l’unica palla-gol capitata a Destro (con Belec che para d’istinto e gli chiude la porta). Per il resto, è la squadra di casa a fare le cose migliori, avvicinandosi al gol con Matos e Cofie e trovandolo al 24’ con Letizia, pur in posizione dubbia dopo il tocco di Borriello che lo libera al tiro. La partita dei biancorossi, però, si complica al minuto 38: Lollo riceve la seconda di due ammonizioni giuste quanto evitabili e lascia i suoi in inferiorità numerica.

GASTALDELLO INSACCA IL PARI – Sannino sceglie di non stravolgere l’assetto della squadra, passando al 3-5-1 (che poi diventerà 5-3-1) con un’unica punta che è prima Borriello, poi Matos e infine Lasagna, che rileva l’ex viola nell’ultimo scorcio di gara. Al Bologna, però, dà subito una mano la buona sorte, già in avvio di ripresa: sugli sviluppi di un corner, Rizzo è libero di concludere dal limite, la sua botta è respinta dal palo sui piedi di Gastaldello, che insacca il momentaneo 1-1. È un’iniezione di fiducia per i felsinei, che danno il via ad un assedio che non si arresterà fino al 93’, anche perché gli uomini che si alternano a formare il reparto avanzato del Carpi soffrono di solitudine e non riescono a creare grossi pericoli (anche se due palle buone arrivano dalle parti di Cofie, che arriva puntualmente in ritardo).

MASINA RISOLVE L’ASSEDIO – Per quanto il Carpi possa chiudersi con ordine e il Bologna abbia le idee annebbiate, alla fine il pallone buono per l’1-2 arriva: Belec smanaccia corto su un cross del subentrato Brienza, sul pallone si avventa Masina e fa esplodere il settore ospiti. Non c’è tempo per la disperata reazione carpigiana, alla fine Delio Rossi deve ringraziare due difensori, che compensano la scarsa vena di Destro, che appare sempre più frustrato. Gioisce il Bologna, ma il tempo per godersi il successo è davvero poco: da domenica si torna al lavoro, martedì c’è già l’Inter. Al Carpi resta una buona prestazione, fatta di organizzazione e carattere ma, mercoledì contro il Frosinone, ci vorranno anche i punti.
 
CARPI-BOLOGNA 1-2 (1-0)
CARPI (3-5-2): Belec 5.5; Zaccardo 6, Spolli 5.5, Romagnoli 6; Letizia 7, Cofie 5.5, Marrone 6 (31′ st Bianco s.v.), Lollo 4, Gabriel Silva 5.5; Matos 6 (36′ st Lasagna s.v.), Borriello 6 (12′ st Gagliolo 6). (1 Brkic, 22 Benussi, 2 Wallace, 10 Lazzari, 11 Di Gaudio, 14 Gino, 18 Bubnjic, 58 Fedele, 99 Mbakogu). All. Sannino
BOLOGNA (4-3-3): Da Costa 6; Krafth 6 (41′ pt Mbaye 6), Oikonomou 5,5, Gastaldello 7, Masina 6.5; Donsah 6, Diawara 6, Rizzo 7 (39′ st Falco s.v.); Mounier 6 (10′ st Brienza 6), Destro 5, Giaccherini 6. (97 Sarr, 3 Morleo, 5 Pulgar, 6 Crisetig, 8 Taider, 11 Mancosu, 13 Rossettini, 20 Maietta, 33 Brighi). All. Rossi
ARBITRO: Tagliavento
RETI: nel pt 24′ Letizia; nel st 2′ Gastaldello, 48′ Masina
ANGOLI: 7-4 per il Carpi
RECUPERO: 2′ e 4′
ESPULSO: nel pt 38′ Lollo per doppia ammonizione
AMMONITI: Belec, Mbaye, Spolli per gioco scorretto, Mounier per simulazione
SPETTATORI: 6.747, per un incasso di 61.444,00 euro.
 

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 274 volte