Antinelli: “E’ giusto che i giocatori vadano sotto la curva a festeggiare al termine di un match”

AntinelliA Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Alessandro Antinelli, giornalista Rai: “Dal punto di vista estetico Napoli e Fiorentina sono uno spettacolo, giocano a memoria con tanta autostima e fiducia. L’Inter è il massimo dell’efficacia, con una giocata si porta a casa una partita, la Juventus è in rimonta e ci sarà fino alla fine.Il tifoso è il primo cliente di un club, il fatto che i giocatori vadano a festeggiare sotto la curva a fine partita mi sembra giusto.Il Frosinone non regala nulla a nessuno ed il Napoli deve fare attenzione, deve riuscire a scardinare la difesa dell’avversario”.

questa notizia ci è stato inviato da CRC decliniamo ogni responsabilità per il suo contenuto

 

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!