Verso Juve-Napoli. “Serve serenità”. Tavecchio: “Batterà Sanremo”

Per uno che ha diretto la finale di Coppa del Mondo e di Champions League sarebbe quasi scontato, ma il plebiscito che accompagna la possibile designazione di Nicola Rizzoli per il big match Juve-Napoli di sabato prossimo va al di là del curriculum sportivo: affidabile, serio, coscienzioso e, per dirla alla Montella, “non permaloso”.

“Io arbitro di Juve-Napoli? Deciderà il mio allenatore – risponde con una battuta la giacchetta nera di Bologna a margine dell’incontro arbitri-allenatori-capitani di Serie A -. Di certo, quella di sabato a Torino, non è una partita che si prepara all’ultimo momento. Chi la arbitrerà è da parecchio che la prepara”, ha aggiunto Rizzoli che poi si schernisce per l’investitura mediatica: “Dicono che io sia l’arbitro ideale per la partita di Torino? Il perché chiedetelo a chi l’ha detto. Lo ringrazio per la fiducia e la stima. Se io trasmetto serenità in campo? E’ l’obiettivo di un arbitro, che deve anche trasmettere tranquillita e fiducia, questo lo sa fa con l’equilibrio”.

A Rizzoli viene chiesto come si tengono a bada Allegri e Sarri, due allenatori molto focosi. “Fortunatamente non faccio il domatore e non devo tenere a bada nessuno – ammette il fischietto bolognese – soprattutto due tecnici molto bravi come loro. Credo che la tensione per l’importanza della partita sarà gestita dalla personalità dei giocatori in campo, degli allenatori e anche dagli arbitri che la dirigeranno”.

Sulla tecnologia, Rizzoli dice di “non avere nulla in contrario”. “E’ qualcosa di oggettivo – fa notare – che dà risposte oggettive in tempi molto stretti. Bisogna anche vedere cosa si intende per tecnologia, se si parlasse di moviola diventerebbe più difficile applicarla. Oggi le tecnologie stanno migliorando, vedremo il futuro cosa ci riserverà”.

“Non credo, non so se vi sia una frattura fra arbitri e tecnici, le fratture esistono anche nei matrimoni – il parere di Rizzoli -: a volte si litiga, poi si fa la pace. Sarebbe più bello mantenerle nel campo e invece vengono messe davanti alle televisioni, io non so se ultimamente ci sono state polemiche, non mi interessa; bisognerebbe guardare il proprio orticello e cercare di curarlo il meglio possibile. I capannelli attorno all’arbitro? E’ una questione di cultura, di tensione, non di educazione. prendere decisioni importanti non è mai facile. Anche per chi le accetta. Non so se all’estero non allontanano gli allenatori dal campo, non ho mai arbitrato nei campionati esteri: posso solo dire che in Champions il rispetto è talmente elevato che non c’è bisogno di mandarli fuori”.

“Quella che si è aperta è una bella settimana: l’Italia aspetta Juventus-Napoli e aspetta Sanremo, vediamo chi la vince questa corsa. A Torino sarà una partita bellissima, meravigliosa, fra due grandi tifoserie, due grandi squadre, non manca niente per raggiungere il massimo della nostra rappresentanza anche come brand per l’estero” ha detto il presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio, parlando della supersfida di sabato nello Juventus stadium, al termine dell’incontro fra allenatori, capitani e arbitri di Serie A.

Fonte: SkySport

Commenti